Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Omicidio 81enne a Bari, convalidato il fermo per l’addetto alle pulizie del palazzo in cui viveva

carabinieri
Il 51enne, probabilmente mosso da problemi di natura economica, l'avrebbe colpita con otto coltellate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – È stato convalidato il fermo di Saverio Mesecorto l’uomo di 51 anni considerato l’assassino di Anna Lucia Lupelli, l’81enne colpita con 8 coltellate e trovata morta nel pomeriggio di martedì scorso nella sua casa del quartiere Carrassi di Bari. Il 51enne, addetto alle pulizie del palazzo in cui viveva la vittima, ha confessato il delitto ed è accusato di omicidio volontario premeditato.

L’uomo, stando al racconto che ha reso agli inquirenti, avrebbe chiesto un bicchiere di acqua alla 81enne che non ha avuto alcuna esitazione a farlo entrare in casa e a dargli ospitalità. È stato allora che, pare mosso da problemi di natura economica, l’avrebbe subito colpita con tre coltellate all’addome per poi prendere un migliaio di euro, un bancomat e scappare. L’autopsia eseguita ieri ha confermato che sono state otto le coltellate inferte alla donna, 5 quelle mortali all’addome. È stato usato un coltello da cucina a lama lunga.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»