Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 17 settembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, CONTINUA A SCENDERE IL TASSO DI CONTAGIOSITA’

Continuano a calare i numeri del covid in Italia. Nell’ultima settimana, rileva l’Istituto superiore di sanità, l’indice Rt e’ sceso a 0,85 da 0,92. Anche l’incidenza è in diminuzione: si passa da 64 a 54 casi su 100mila abitanti. In lieve calo anche il numero di ricoveri e il tasso di occupazione delle terapie intensive, che si assesta al 6,1%. Per l’Istituto superiore di sanità quattro regioni sono a rischio moderato, rispetto alle 3 della scorsa settimana. Si tratta di Abruzzo, Molise e delle province autonome di Trento e Bolzano. Le restanti 17 regioni risultano classificate a rischio basso. La Sicilia, però, ha ancora dati di occupazione dei posti letto fuori dai limiti, quindi resterà in giallo. Rischia anche la Calabria.

GREEN PASS PER TUTTI I LAVORATORI, I NODI DA SCIOGLIERE

Entrera’ in vigore il 15 ottobre il decreto approvato giovedi’ dal consiglio dei ministri, con il quale viene esteso l’obbligo del green pass ai lavoratori pubblici e privati. Entro quella data, i datori di lavoro dovranno definire le modalità operative per l’organizzazione delle verifiche, anche a campione, da effettuare all’ingresso nel luogo di lavoro. La mancanza di green pass comportera’ la sospensione dello stipendio fin dal primo giorno, ma non si rischia il licenziamento. Le nuove norme si applicheranno anche al Parlamento. Saranno pero’ le Camere, che godono di un regime di autogoverno, a decidere in che modo disciplinare l’obbligo per l’ingresso a Montecitorio e a Palazzo Madama e per i lavori parlamentari.

IL CERTIFICATO VERDE NON VIOLA LA PRIVACY

E’ legittimo chiedere il green pass, non c’e’ nessuna violazione della privacy. A stabilirlo e’ il Consiglio di Stato che ha ribadito la validità del sistema incentrato sulla certificazione verde. Il Consiglio ha respinto quanto sostenuto da 4 cittadini, non vaccinati, secondo i quali il meccanismo di contenimento dell’epidemia delineato dal legislatore nazionale comporterebbe un pregiudizio della riservatezza sanitaria, in contrasto con la disciplina europea sulla protezione dei dati sanitari. La decisione ha rilevato che pur restando salva la libera autodeterminazione dei cittadini che scelgono di non vaccinarsi, risulta prevalente l’interesse pubblico connesso all’impiego del Green pass. Questo anche in considerazione della progressiva ripresa delle attività economiche e sociali.

MATTARELLA: RAFFORZARE LA DIFESA EUROPEA 

L’Alleanza Atlantica “rappresenta per l’Italia una pietra angolare della politica di sicurezza”, il rafforzamento dell’Unione europea nel campo della difesa “darà un contributo prezioso” nel rapporto con la Nato. A parlare è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, durante la cerimonia al Comando Interforze Alleato di Napoli per il 70esimo anniversario della presenza Nato in Italia. Il tema della Difesa comune Ue tiene banco dopo il discorso sullo Stato del’Unione di Ursula von der Leyen. Mattarella è stato in visita nella base di Napoli assieme al vicesegretario Nato Mircea Geoana e al ministro della Difesa Lorenzo Guerini. I risultati raggiunti dall’Alleanza transatlantica “sono evidenti e straordinari – sottolinea il capo dello Stato- primo fra tutti i 70 anni di pace nel continente europeo”. Per il ministro Guerini ora “è necessaria un’Europa unita e coraggiosa per una Nato più efficiente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»