Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Afghanistan, Di Maio: “G20 straordinario si farà, serve difesa Ue”

luigi_di_maio_g20
Per Di Maio, il summit straordinario dovrà "rafforzare la sicurezza internazionale con la lotta al terrorismo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il G20 straordinario sull’Afghanistan si farà”. Così il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, in un’intervista uscita sul quotidiano ‘Repubblica’ questa mattina.

Per Di Maio, il summit straordinario dovrà “rafforzare la sicurezza internazionale con la lotta al terrorismo” e “fornire assistenza gli sfollati in Afghanistan”. “I voli verso l’Italia sono ripresi – ha precisato il ministro – e il G20 serve per coordinare queste azioni”.

Interrogato sui dossier più caldi, il titolare della Farnesina ha detto che “Afghanistan e Australia (che ieri ha siglato un patto militare con Usa e Gb, ndr) rilanciano l’urgenza della difesa europea“. “Spero” ha continuato “di raggiungere un accordo con i 27 Paesi Ue su difesa e politica estera”, perchè “nessuno di noi (Stati membri, ndr) può pensare di competere con Usa e Cina da solo”.

Sul caso Patrik Zaky, l’auspicio di Di Maio è che “il processo gli restituisca rapidamente la libertà sottratta”. Il ministro ha concluso l’intervista parlando del piccolo Eitan: “Ci aspettiamo piena collaborazione da Israele”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»