Festivalfilosofia 2020, al via il 18 settembre con 150 appuntamenti in sicurezza

Il programma è un omaggio al pensiero di Remo Bodei. Tra gli ospiti: Cacciari, Galimberti, Marzano, Massini, Recalcati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Parte domani, 18 settembre, il festivalfilosofia 2020. Quasi 150 appuntamenti, fra lezioni magistrali, mostre e spettacoli animeranno, fino a domenica 20 settembre, Modena, Carpi e Sassuolo. Tra i protagonisti 41 relatori, di cui ben 18 debuttano al festival. Tra gli ospiti più attesi: Cacciari, Galimberti, Marzano, Massini, Recalcati, Vegetti Finzi, e tra i debuttanti Bria, O’Connell, Sadin, Schnapp, Soro. Il programma è un omaggio al pensiero di Remo Bodei. Dedicato al tema macchine, questa sarà la prima edizione dopo la sua scomparsa. L’intero programma del festival costituisce un grato e commosso omaggio al suo pensiero e alle sue opere sul tema delle macchine.

LE MISURE DI SICUREZZA

Sarà un festival dal vivo che tuttavia si terrà adottando tutti i protocolli e i dispositivi previsti dall’emergenza Covid-19, per garantire la massima sicurezza di pubblico e operatori. La partecipazione alle lezioni avviene tramite prenotazione online dal sito del festival.

IL PROGRAMMA

Giunto alla ventesima edizione, il format del festival prevede come sempre lezioni magistrali, mostre, spettacoli, letture, attività per ragazzi e cene filosofiche. Gli appuntamenti saranno quasi 150 e tutti gratuiti, accessibili tramite prenotazione o forme di contingentamento. Il tema di quest’anno sono le macchine. Piazze e cortili ospiteranno oltre 40 lezioni magistrali in cui grandi personalità del pensiero filosofico affronteranno le varie declinazioni del tema, per far emergere le sfide poste da innovazione tecnologica e intelligenza artificiale a varie sfere del pensiero e dell’azione, dal lavoro alla salute, dalla politica alla vita di relazione, discutendone le prospettive e le implicazioni sociali ed etiche. L’edizione 2020, mentre conferma lo stretto legame con i maggiori protagonisti del dibattito filosofico, presenta diciotto voci nuove. Tre quarti degli autori stranieri sono al loro debutto al festival. 

I PARTECIPANTI

Tra i protagonisti ricorrenti si ricordano, tra gli altri, Enzo Bianchi, Massimo Cacciari (componente del Comitato scientifico del festival), Barbara Carnevali (componente del Comitato scientifico del festival), Roberto Esposito, Maurizio Ferraris (Lectio “BPER Banca”), Umberto Galimberti, Michela Marzano, Stefano Massini, Salvatore Natoli (Lectio “Coop Alleanza 3.0”), Telmo Pievani (Lectio “Gruppo Hera”), Massimo Recalcati (Lectio “Confindustria Emilia Area Centro”), Carlo Sini, Silvia Vegetti Finzi e Stefano Zamagni (Lectio “Rotary Club Gruppo Ghirlandina”). Tra i “debuttanti”, Alessandro Aresu, Francesca Bria, Michele Di Francesco, Barbara Henry, Mark O’Connell, Jeffrey Schnapp.

LA LEZIONE DEI CLASSICI

Il programma filosofico del festival propone anche la sezione “la lezione dei classici“: studiosi e studiose eminenti, tra cui Simona Forti ed Emanuela Scribano, commenteranno i testi che, nella storia del pensiero occidentale, hanno costituito modelli o svolte concettuali rilevanti per il tema della persona. Se le lezioni magistrali sono il cuore della manifestazione, un vasto programma creativo (ancora in corso di definizione) coinvolgerà performance, musica e spettacoli dal vivo. Tra i partecipanti: Liliana Cavani (in una conversazione sulla sua opera), Federico Buffa (in un recital sul “2001 Odissea nello spazio”), Marco Paolini (in un reading da “Le avventure di Numero Primo”), Paolo Nespoli (in una conversazione sull’integrazione uomo-macchina nell’esperienza dell’astronauta).

LE INIZIATIVE PER BAMBINI E RAGAZZI

Non mancheranno le iniziative per bambini e ragazzi. Oltre venti le mostre proposte in occasione del festival, tra cui la personale di Quayola prodotta da Fondazione Modena Arti Visive. A Carpi una mostra ai Musei di Palazzo dei Pio ricostruisce l’opera di Bernardino Ramazzini, mentre a Sassuolo una personale di Nani Tedeschi è dedicata alla simbiosi tra il pilota e la macchina. Il festival è promosso dal Consorzio per il festivalfilosofia, di cui sono soci i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, la Fondazione Collegio San Carlo di Modena, la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e la Fondazione di Modena.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»