VIDEO | Ad Altaroma ‘Conscious luxury’ e ‘ecologia interiore’ con BAV TAiLOR

Ogni capo della designer londinese di origini indiane è un manifesto di sostenibilità a 360°
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA -‘Respect your body + your sphere’ è il mantra del brand BAV TAiLOR. La designer nata a Londra, di origini indiane e nomade nello spirito, porta avanti la tradizione dei suoi antenati e nonni (grandi sarti), utilizzando materiali che fondono l’eccellenza dell’innovazione, dell’artigianalità e del rispetto.

L’abbiamo incontrata negli spazi di Showcase ad Altaroma dove presenta la collezione KUSHMANDA PE21.

La sua è una fusione dei migliori materiali – naturali o riciclati e certificati – con silhouette pure e geometriche ispirate al design, all’architettura e alle filosofie orientali. Ogni capo rappresenta al 100% l’autentico Made in Italy attraverso il manifesto di sostenibilità a 360 ° che si impegna a rispettare gli ‘United Nations Sustainability Goals’, a partire dal processo di progettazione, fino ad arrivare alla selezione di materiali certificati e ad una produzione etica e trasparente, impegnandosi a ridurre il carbon footprint pur apportando un contributo sociale.

La collezione KUSHMANDA trae ispirazione dall’omonima dea indiana della buona salute e del benessere che, con il suo sorriso, ha donato luce su questa Terra sollevandola dall’oscurità. Un guardaroba di Conscious Luxury con silhouette essenziali e tagli sartoriali che donano forma e carattere a materiali sostenibili ed innovativi derivati da rifiuti di pietra di marmo italiano, sughero, rame di Angelina pura con proprietà antibatteriche e di benessere – ideale per la linea Shanti Wellness- e altri ancora. Il tessuto must-have del brand è la seta organza 3D giapponese rifinita e la stampa LO.VE del progetto ‘artisanal lab’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»