VIDEO | Ue, il discorso di von der Leyen convince a metà il M5s. Parlano Ferrara e Rondinelli

I commenti delle europarlamentari Daniela Rondinelli e Laura Ferrara al discorso sullo Stato dell’Unione europea di Ursula Von der Leyen
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BRUXELLES – “Vogliamo un’equa ripartizione delle responsabilità con un meccanismo automatico e obbligatorio di ricollocamento dei richiedenti asilo”: è questa la richiesta di Laura Ferrara, eurodeputata per il Movimento 5 Stelle.

“Il discorso sullo Stato dell’Unione è stato positivo su alcuni temi e blando su altri” sottolinea Ferrara. Primo passo del Green Deal positivo, “ma ci aspettavamo una riduzione maggiore delle emissioni”; soddisfazione per la proposta di un salario minimo europeo; infine Ferrara si dice delusa per il mancato accenno ai paradisi fiscali e alla tassazione dei colossi del web.

Nel suo discorso all’Europarlamento Von der Leyen ha annunciato la presentazione di “un nuovo piano” sulle migrazioni sottolineando che il regolamento di Dublino e sarà sostituito da un nuovo sistema di governance.

LEGGI ANCHE: Ue, Von der Leyen: “L’Europa deve superare le fragilità dopo il Covid”

RONDINELLI (M5S): BENE SALARIO MINIMO, MA PROPOSTA INCOMPIUTA

“Accogliamo con favore la proposta sul salario minimo lanciata dalla presidente della Commissione von der Leyen, ma ci aspettiamo ancora di più”: questa la reazione dell’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Daniela Rondinelli, che ha rivendicato gli sforzi fatti dal suo partito per introdurre un salario minimo europeo. “La proposta è incompiuta perché non risolve il problema degli Stati dell’Europa centrale e orientale che non hanno una storia di contrattazione collettiva forte e robusta”, ha detto Rondinelli.

di Alessio Pisanò, corrispondente da Bruxelles

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»