Pd, la controcena di Zingaretti: con operaio, studente e professore

Dopo l'invito di Calenda a Renzi, Minniti e Gentiloni, il candidato al congresso del Partito Democratico rilancia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ieri Paolo Gentiloni ha detto cose sagge sul tema del nostro modo di discutere per mettere al centro il congresso e la partecipazione. Le condivido in pieno, anche questa volta. Proprio per questo, per un congresso diverso, aperto e partecipato, insieme a tanti incontri che sto facendo in tutta Italia, la prossima settimana ho organizzato in trattoria una cena con un imprenditore del Mezzogiorno di una piccola azienda, un operaio, un amministratore impegnato nella legalità, un membro di un’associazione in prima fila sulla solidarietà, un giovane professionista a capo di una azienda Start Up, una studentessa ed un professore di Liceo. A tutti loro voglio chiedere: che dobbiamo fare secondo voi? Dove abbiamo sbagliato? Come riprendere a lottare e vincere? Perché la nostra storia ricomincia così: ascoltando le persone. P.s.: Ci vediamo tutte e tutti il prossimo 13 e 14 ottobre a Roma all’ Ex Dogana, per Piazza Grande”. Lo scrive sul proprio profilo Facebook il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Leggi anche:

Pd, Emiliano attacca: “Calenda, Renzi, Gentiloni e Minniti cenano mentre gli italiani restano fuori”

Impedire la deriva del Pd? Calenda invita a cena Gentiloni, Renzi e Minniti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»