Blitz contro i tavolini selvaggi, sigilli a 7 locali nel centro di Roma

In campo sono scesi una quindicina di agenti guidati dal Capo dei vigili, Raffaele Clemente, alla presenza del presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, e dell'assessore capitolino alla Legalità, Alfonso Sabella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giro di vite, questa volta con denuncia penale e rischio di arresto per i proprietari dei locali, contro tavolino selvaggio in centro storico a Roma.

Questa mattina, in via delle Carrozze, è scattato un blitz dei Vigili finalizzato a porre sotto sequestro sette locali all’interno del I Municipio. In campo sono scesi una quindicina di agenti guidati dal Capo dei vigili, Raffaele Clemente, alla presenza del presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, e dell’assessore capitolino alla Legalità, Alfonso Sabella.

Primo obiettivo di giornata il Royal Palace Luxory hotel di via delle Carrozze, già oggetto di tre sequestri di tavolini abusivi. Qui i vigili del gruppo Gssu e del III gruppo hanno apposto i sigilli a vista e denunciato i gestori. “Lo avevamo annunciato e oggi lo abbiamo messo in atto, anche perché avevano già effettuato operazioni come questa- ha spiegato Alfonsi- A tutti i commercianti che hanno reiterato l’abuso in barba alle regole, nonostante precedenti rimozioni, questa mattina applicheremo il codice penale agli articoli 633 e 639 che prevedono la reclusione fino a 2 anni e una multa di oltre 1.000 euro per uso di beni pubblici per scopi privati. Oggi partiamo da chi è totalmente abusivo, sette provvedimenti tutti nel I Municipio. I beni sequestrati resteranno a vista con il nastro lì dove sono perché far vedere il bene sequestro è un’immagine importante per evitare il reiterarsi dell’azione. In questo modo non solo colpiamo la concorrenza sleale ma anche la ciminalità organizzata che passa attraverso il commercio abusivo”.

di Emiliano Pretto

Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»