hamburger menu

Allegri dimentica Ambra con Nina. Tutto sulla nuova compagna dell’allenatore

L'allenatore volta pagina ma anche la sua ex. L'attrice ha fatto sapere: "Sono felice"

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Ambra Angiolini è ormai il passato. Max Allegri è stato paparazzato con la sua nuova compagna. Si chiama Nina Lange Barresi ed è una consulente finanziaria di Lugano. Proprio nella città i due sono stati fotografati da ‘Chi’, che pubblica nel numero in edicola questa settimana il servizio sulla neo coppia.

Il tecnico della Juventus, come sempre, ha provato a mantenere lo stretto riserbo sulla storia ma nulla sfugge ai paparazzi. È così che sono arrivati gli scatti mano nella mano.

CHI È NINA?

Lontana dai riflettori, Nina possiede una società di consulenza manageriale. Di lei non si sa molto di più se non che frequenta l’allenatore già da qualche mese. È lei la donna con la quale il 55enne era stato pizzicato in spiaggia in Sardegna.

L’ADDIO AD AMBRA

Allegri ha, insomma, voltato pagina. Lo scorso ottobre l’addio ad Ambra dopo quattro anni e un fidanzamento che li avrebbe portati all’altare. Da qualche tempo, convivevano a Milano. La ragione vera della rottura non è stata mai confermata ma il gossip ha parlato sin da subito di un tradimento da parte del mister.

AMBRA: “L’UNICO FALLIMENTO? LA FINE DELLA STORIA CON RENGA”

Anche Ambra guarda avanti. E se sul fronte lavorativo l’attrice sarà protagonista della nuova stagione di X Factor come giudice, su quello personale va tutto a gonfie vele. “Sono felice perché sto rispettando me stessa”, ha detto a Vanity Fair.

LEGGI ANCHE: X-Factor 2022, nel promo giudici e conduttrice sulle note di ‘Rumore’ di Carrà

“L’unico vero fallimento che riconosco – continua la 45enne – è la fine del rapporto con Francesco, il padre dei miei figli. Dopo la rottura della mia famiglia sono caduta in depressione, finita nella fogna delle fogne, ed era giusto che ci finissi, perché era il passaggio dell’elaborazione di un lutto enorme. Solo da quella cosa ho dovuto risorgere, per tutto il resto non c’è nessuna resurrezione. Più spesso c’è ribellione. La prima, la più importante è avvenuta quando ho cominciato a sceglierlo io, il mio mestiere. Ho sentito che mi batteva il cuore perché mi è venuta voglia di dire tanti no”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-17T17:13:45+02:00