Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Afghanistan, Salvini: “L’Italia non può accogliere decine di migliaia di profughi”

matteo salvini
"Altri Paesi non stanno facendo nulla, se ne faccia carico la comunità internazionale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo già registrato circa 35mila arrivi via mare, per non parlare di quelli via terra e ora la fuga dall’Afghanistan rischia di essere un disastro. L’Italia non può permettersi di accogliere decine di migliaia di persone visto che i centri di accoglienza stanno già esplodendo”. Così il segretario della Lega Matteo Salvini a Radio 24. “Altri Paesi non stanno facendo nulla, la comunità internazionale si faccia carico perché l’Italia non può essere l’unico centro di accoglienza”, dice Salvini.

LEGGI ANCHE: Afghanistan, la solidarietà dei sindaci pugliesi: “Accogliamo chi fugge dal medioevo tribale, i nostri porti sempre aperti”

Noi abbiamo chiesto fin da subito la convocazione delle commissioni e può anche essere il 17 agosto la convocazione del Parlamento”, aggiunge Salvini sulla richiesta di informativa al ministro degli Affari esteri Luigi Di Maio circa la situazione in Afghanistan intervenendo a ‘Ma cos’è quest’estate’ su Radio 24.

Non c’è il diritto al riposo nel mese di agosto qualunque cosa accada nel mondo. Se c’è una situazione esplosiva sullo scenario internazionale dal punto di vista dei diritti umani, della vita e salute di donne e bambini ma anche della sicurezza nazionale, io riterrei quanto meno doverosa la convocazione delle Camere in via urgente, anche se siamo al 17 agosto”, dice Salvini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»