Cavallo morto alla Reggia di Caserta, annunciato lo stop del servizio carrozze

La decisione é stata assunta a seguito di quanto accaduto lo scorso 12 agosto quando uno dei cavalli del servizio carrozze ippotrainate é deceduto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Il servizio carrozze ippotrainate della Reggia di Caserta e’ cessato”. Lo comunica la direzione del sito. La decisione e’ stata assunta a seguito di quanto accaduto lo scorso 12 agosto quando uno dei cavalli del servizio carrozze ippotrainate, gestito in concessione dalla societa’ Tnt, e’ deceduto. L’istituto museale, intanto, accelera sul bando, gia’ in fase di redazione da qualche mese, per il noleggio con conducente di golf car elettriche omologate.

LEGGI ANCHE: Cavallo stramazza al suolo alla Reggia di Caserta, Verdi: “Denunceremo titolare carrozza”

“Il trasporto ippotrainato all’interno del Parco Reale, affidato dalla precedente direzione a seguito di avviso pubblico alla societa’ Tnt, e’ cessato e non avra’ seguito. Gli elementi emersi dopo il tragico decesso di uno dei cavalli – fa sapere la direzione – impediscono la prosecuzione di questa attivita’ all’interno del complesso vanvitelliano. Scevra da ogni giudizio ideologico o personale, la valutazione e’ scaturita anche dalla notizia di presunti gravi illeciti commessi nell’espletamento del servizio”.

Nella giornata di oggi la direzione della Reggia di Caserta avra’ un incontro con i rappresentanti della Tnt. Domani e’ previsto, invece, un confronto con il garante per i diritti degli animali con il quale “si avviera’ un dialogo articolato nel rapporto uomo-animale all’interno del Complesso vanvitelliano. Il Museo auspica, infatti, future progettualita’ e un approccio equilibrato e sostenibile sui temi ambientali”.

BRAMBILLA: “MAI PIÙ VEICOLI A TRAZIONE ANIMALE ANCHE A ROMA,  FIRENZE E NEL RESTO D’ITALIA”

“Sono lieta di apprendere lo stop alle carrozze trainate da cavalli deciso dalla direzione della Reggia di Caserta, anche se, per un provvedimento che dovrebbe essere di puro buonsenso, si e’ dovuta attendere la morte di un cavallo stramazzato al suolo per il caldo. Ora si abbia il coraggio di fermare, in tutto il Paese, i veicoli a trazione animale: diciamo basta per sempre a carrozzelle, botticelle e fiaccherai”. A dirlo e’ Michela Vittoria Brambilla, ex ministro del Turismo e presidente della Lega italiana difesa animali e ambiente, commentando la decisione degli amministratori della Reggia di interrompere per sempre il servizio con le carrozzelle e accelerare sul bando, gia’ in fase di redazione da qualche mese, per il noleggio con conducente di golf car elettriche omologate. “Anche se tardiva la scelta della Reggia di Caserta va nella direzione giusta. Ora e’ necessario percorrere, con coraggio, la stessa strada sostituendo le carrozzelle con veicoli ecologici non solo a Roma, dove la sindaca Virginia Raggi prende in giro da oltre quattro anni i propri elettori con proclami destinati a restare lettera morta, ma anche a Firenze e nel resto d’Italia. Perche’ cio’ avvenga – prosegue Brambilla – chiedo al parlamento di approvare, al piu’ presto, non solo la mia proposta di legge di modifica del codice della strada, che consentirebbe di abolire il servizio di piazza con veicoli a trazione animale, ma anche quella che chiede di riconoscere gli equini per cio’ che sono: animali di affezione che devono essere curati, amati e non sfruttati per un servizio che, oltre a provocare immani sofferenze agli animali, e’ anacronistico gia’ da molto tempo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»