Turista sul tetto di una Domus a Pompei per scattare un selfie, direzione Parco: “Atto deplorevole”

"Avviata un'indagine, in collaborazione con le autorità competenti, affinché si possa individuare la protagonista dell'atto"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI –  La direzione del Parco Archeologico di Pompei “stigmatizza l’atto incivile e pericoloso per la stessa persona e per la tutela del monumento” e sottolinea che “l’accesso alla coperture delle Terme e’ interdetto al pubblico con adeguata segnalazione, come avviene in tutti gli spazi archeologici chiusi al pubblico e secondo il regolamento degli Scavi presente agli ingressi del Parco”. È quanto si legge in una nota del Parco archeologico di Pompei dopo il caso di una turista salita sul tetto delle Terme Centrali per scattarsi un selfie. “Questo atto deplorevole – continua la direzione del sito – invita ancor di piu’ a rispettare le norme generali di visita e il giusto distanziamento anti Covid, anche in virtu’ delle ultime indicazioni governative”. La direzione del Parco ha quindi annunciato l’avvio “di un’indagine, in collaborazione con le autorita’ competenti, affinche’ si possa individuare la protagonista dell’atto, attraverso ogni mezzo a disposizione e per assicurare, il piu’ possibile, il pieno rispetto del patrimonio archeologico di Pompei da abusi di questo genere”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»