Coronavirus, Bartoletti (Omceo Roma): “Da oggi test rapidi, grande lavoro”

"Colleghi tornati dalle ferie. Servizio gratuito da noi, in Spagna costa 100 euro"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ieri abbiamo effettuato oltre mille tamponi. Oggi inizieranno i test rapidi con i laboratori portatili, una novità assoluta. Ci attendiamo di arrivare fino a tremila tamponi”. Lo ha detto, all’agenzia Dire, il vicepresidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia e segretario provinciale della Fimmg Roma, Pier Luigi Bartoletti, impegnato in questi giorni nei test all’aeroporto di Fiumicino. I test vengono effettuati agli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, ai drive-in di Casal Bernocchi, Forlanini, Santa Maria della Pietà, San Giovanni e Genzano. “Ricordo che è un servizio gratuito, fatto da professionisti volontari che sono tornati dalle ferie per questo motivo- ha spiegato Bartoletti-. Sento parlare di disservizi, sento dire che era meglio effettuare il tampone in Spagna, dove però costa 100 euro farlo, mentre da noi è pieno di colleghi giovani e meno giovani che per spirito di servizio e per evitare che si torni tutti dentro casa, lavorano e sudano dalla mattina alla sera”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nel Lazio test ai terminal dei bus e quarantena per gli arrivi

CORONAVIRUS, BARTOLETTI (OMCEO ROMA): “E’ VIRUS SOCIALE, STOP ASSEMBRAMENTI”

“In molti non hanno capito che il Covid-19 non è un problema sanitario, ma sociale. Questo è un virus sociale, campa attraverso gli assembramenti e quindi è chiaro che impatta e impatterà ancora sulle abitudini di vita. Fin quando non arriverà un vaccino, i comportamenti dovranno essere mirati al vivere comune. Non bastano mascherine, occhiali e igiene delle mani”.

CORONAVIRUS. BARTOLETTI (OMCEO ROMA): “ALTRI PAESI COSTRETTI A RICHIUDERE LE SCUOLE”

“Negli altri Paesi chi ha riaperto le scuole poi le ha dovute richiudere. Dunque bisogna fare molta attenzione. Chi si era illuso che passati tre mesi ci saremmo scordati del virus, ha vissuto nell’illusione. Chi ha mollato le misure anti contagio dicendo che l’emergenza era finita, non ha capito che non c’è possibilità di bloccare il virus se non con il distanziamento”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»