Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Farid presto in Italia per essere curato, Firenze accoglie lui e la sua famiglia

Il piccolo soffre di piastrinopenia, una malattia del sangue. Il fratello tredicenne ha attraversato il Mediterraneo per cercare aiuto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MigrantiFIRENZE – Farid arrivera’ con un ponte aereo nei prossimi giorni a Firenze dove sara’ curato all’ospedale di Careggi, mentre la famiglia del piccolo egiziano potra’ trovare ospitalita’ presso un appartamento della “Fondazione Tommasino Bacciotti”.

Dopo aver letto sul “Corriere della sera” di oggi la storia di Ahmed, il tredicenne egiziano che ha attraversato il mare ed e’ approdato a Lampedusa per cercare medici disposti a curare e operare il piu’ piccolo dei suoi fratelli, colpito da una gravissima forma di piastrinopenia, una malattia del sangue, l’assessore al diritto alla salute della Toscana Stefania Saccardi, si e’ immediatamente attivata, assieme alla direzione di Careggi, per dare risposta al drammatico appello di Ahmed. E subito si e’ attivata una catena di solidarieta’, a partire dal premier Matteo Renzi, per aiutare la famiglia e il piccolo Farid.-

Stamattina arrivata la disponibilita’ della direzione ospedaliera

“Careggi e’ pronto ad accogliere e operare il piccolo Farid, il bambino egiziano di sette anni affetto da piastrinopenia. La direzione dell’azienda ospedaliera e il professor Marco Carini hanno dato la loro disponibilita’ a prendere in carico il bambino. Se sara’ necessario, troveremo anche ospitalita’ per lui e per i familiari che lo accompagneranno”.

“Con i programmi di cooperazione sanitaria internazionale- ha spiegato l’assessore Saccardi- nei nostri ospedali accogliamo e curiamo tanti bambini che vengono da altri Paesi. Lo faremo anche per Farid. La direzione di Careggi prendera’ subito i contatti necessari per dare la propria disponibilita’ e far arrivare quanto prima a Firenze Farid e la sua famiglia“.

Fonte: Redattore Sociale

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»