Estate 2015: 11 miliardi in souvenir. Ma si tratta di prodotti Doc, Dop e Igp

Anche in vacanza, gli italiani non rinunciano alla qualità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

prodottiAnche in vacanza, gli italiani non rinunciano alla qualità e alle eccellenze del Made in Italy. Che, stando ai dati della statistica realizzata dalla Coldiretti in collaborazione con l’Istituto Ixè, per il 42% riporta a casa i prodotti dop e doc come souvenir, acquistando ‘a km zero’. Rilanciando il turismo enogastronomico, una parte delle proprie ferie viene quindi dedicata alla visita di frantoi, malghe, cantine, aziende, sagre, bancarelle, agriturismi o mercati degli agricoltori, per un giro d’affari che quest’anno ha toccato gli 11 miliardi di euro.

Cifra che rende l’Italia leader in questo particolare settore, e non solo: sempre secondo Coldiretti, è il primo paese al mondo a poter contare quasi 5mila prodotti tradizionali (come da censimento regionale), 272 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario, 415 vini Doc/Docg, quasi 21mila agriturismi e oltre 6.600 fattorie.

E nella spesa non si guarda al portafoglio: il 48% è disposto a pagare per questo genere di prodotti fino a 40 euro, eil 14% anche di più.

Di Redazione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»