Orrore al cimitero Flaminio, finte cremazioni per fare soldi

Meloni (Fdi): "Immagini raccapriccianti, da anni mandiamo dossier a Raggi sul degrado dei cimiteri capitolini"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Avrebbero dovuto cremare i resti dei defunti, invece tagliavano i cadaveri con il coltello e ne gettavano i resti nell’ossario. Succede al cimitero Flaminio di Roma, dove le telecamere nascoste dai carabinieri hanno ripreso le agghiaccianti scene degli operatori dell’Ama affaccendati a compiere vilipendio di cadavere, tra gennaio e febbraio 2020. Il tutto sarebbe avvenuto all’oscuro dei familiari, con una connivenza tra operatori dell’Ama e impresari di pompe funebri. Rinviati a giudizio in quindici, le accuse sono truffa, corruzione, induzione alla corruzione e vilipendio di cadavere.

AMA: “DIPENDENTI SOSPESI, NOI SIAMO PARTE LESA”

“Come già comunicato lo scorso 18 maggio, sono stati immediatamente sospesi dal servizio e dalla retribuzione i dipendenti coinvolti nell’inchiesta della Procura della Repubblica a seguito delle indagini dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma su ipotesi di condotte illecite nell’espletamento di alcune operazioni cimiteriali all’interno del Cimitero di Prima Porta. I dipendenti, per i quali è subito scattato anche un procedimento disciplinare, resteranno sospesi dal servizio sino all’esito del procedimento stesso. La vicenda è emersa anche grazie alle segnalazioni e alla collaborazione dell’azienda con le Autorità competenti. Ama S.p.A. si considera a tutti gli effetti parte lesa, continuerà a offrire la massima collaborazione agli inquirenti e non esiterà ad assumere ulteriori iniziative anche a tutela della propria immagine”, rende noto in un comunicato Ama S.p.A.

MELONI: “IMMAGINI RACCAPRICCIANTI”

Raccapriccianti le immagini pubblicate dal quotidiano ‘Il Messaggero’ sulle finte cremazioni al cimitero Flaminio. Grazie ai carabinieri e agli inquirenti che stanno lavorando da mesi per fare luce su questo scandalo: famiglie truffate e raggirate da gente senza scrupoli, che per fare soldi non si è fermata neanche davanti al dolore e al rispetto per i defunti. Ci auguriamo che il sindaco Raggi, alla quale Fratelli d’Italia ha inviato in questi anni numerosi dossier ed esposti sul degrado senza precedenti nel quale versano i cimiteri capitolini, voglia intervenire subito e prendere immediati provvedimenti nei confronti di chi in Ama aveva il dovere di controllare e impedire che nella Capitale d’Italia potessero accadere fatti così gravi”, scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»