Al ristorante in taxi? La corsa d’andata è gratis

E' questo il cuore della convenzione sottoscritta tra il 4390 Taxi Firenze e l'associazione Ristoratori Toscana per riavere a bordo e al tavolo qualche cliente in piu' in un momento di crisi per i due settori
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Al ristorante in taxi con il viaggio di andata praticamente gratuito. E’ questo il cuore della convenzione sottoscritta tra il 4390 Taxi Firenze e l’associazione Ristoratori Toscana per riavere a bordo e al tavolo qualche cliente in piu’ in un momento di crisi per i due settori. Da domani utilizzando i taxi del 4390, i fiorentini potranno andare a pranzo o a cena in uno dei ristoranti associati a Ristoratori Toscana a Firenze ad un prezzo fisso: 10 euro indipendentemente dai passeggeri. Esibendo al ristoratore la ricevuta del taxi, il cliente avra’ uno sconto di 5 euro. Se anche per il ritorno il cliente decidera’ di prendere un taxi 4390, il tassista applichera’ altri 5 euro di sconto sulla corsa.

“Di fatto, dunque, lo sconto totale, tra i 5 euro del ristoratore e i 5 del tassista, sara’ di 10 euro, pari all’importo del viaggio di andata, con la prima corsa che, di fatto, sara’ gratuita”, spiegano i promotori dell’intesa.
“E’ un accordo importantissimo, che viene sottoscritto in una fase straordinaria. Abbiamo deciso di rispondere all’accorato appello che i ristoratori ci hanno rivolto, visto il grave momento di crisi che colpisce loro e anche la nostra categoria, che sta lavorando con perdite di fatturato superiori al 70% rispetto al periodo pre-covid”, dichiara il presidente del 4390 Taxi Firenze, Luca Tani.
“Stiamo facendo tutto il possibile per sostenere la nostra categoria. Martedi’ scorso siamo stati a Roma, davanti a Montecitorio, per un presidio. Andremo avanti con la mobilitazione a tutela dei ristoratori, tenendo anche in forte considerazione l’esigenza di una citta’ che e’ stata messa in ginocchio dalla pandemia e cercando l’unione di tutte le categorie per fare il bene di Firenze, sottolinea Pasquale Naccari, presidente associazione Ristoratori Toscana.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»