Coronavirus, l’allarme della Dia: “Le mafie fomenteranno disordini e lucreranno voti”

"Si tratta di un vero e proprio investimento sul consenso sociale"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “In primo luogo, una particolare attenzione deve essere rivolta, sul piano sociale, al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica“. E’ la raccomandazione della Direzione Investigativa antimafia, nella relazione del secondo semestre al Parlamento, nella sezione dedicata allo ‘Speciale Covid’.

“È evidente – scriva la Dia – che le organizzazioni criminali hanno tutto l’interesse a fomentare episodi di intolleranza urbana, strumentalizzando la situazione di disagio economico per trasformarla in protesta sociale, specie al Sud. Parallelamente, le organizzazioni si stanno proponendo come welfare alternativo a quello statale, offrendo generi di prima necessita’ e sussidi di carattere economico. Si tratta di un vero e proprio investimento sul consenso sociale, che se da un lato fa crescere la “rispettabilita’” del mafioso sul territorio, dall’altro genera un credito, da riscuotere, ad esempio, come “pacchetti di voti” in occasione di future elezioni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»