Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giornale radio sociale, edizione del 17 luglio 2020

ECONOMIA – Ripresa lenta. Per
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ECONOMIA – Ripresa lenta. Per SWG-Legacoop, per il 53% degli italiani il Paese sta ripartendo, ma per il 48% lo sta facendo molto lentamente e per il 41% è ancora fermo. Ascoltiamo il commento al sondaggio dalla voce del presidente di Legacoop, Mauro Lusetti. 

INTERNAZIONALE – Diritto di cronaca. Il New York Times ha trasferito un gruppo di giornalisti da Hong Kong a Seul dopo l’approvazione della nuova legge sulla sicurezza nazionale. Una misura frutto della preoccupazione diffusa tra gli operatori della comunicazione nell’ex colonia britannica, che vedono minacciata la libertà di informazione per l’arbitrarietà di interpretazione della nuova norma.

SOCIETA’ – Centri estivi? Non per tutti. L’occasione di rilanciare la socialità e il gioco potrebbe essere vanificata per molti bambini, soprattutto nelle regioni meridionali. La realtà è infatti molto diversa dagli annunci visto che le strutture avranno un’accessibilità limitata. La denuncia arriva da Save The Children che ha realizzato una ricognizione sui centri estivi comunali o convenzionati per i minori. Dall’analisi dei dati, risulta un panorama frammentato, con regole differenti da un comune all’altro che fa aumentare le differenze tra Nord e Sud del paese.

SPORT – “Playing for change”. Sarà presentato domani a Udine il progetto che unisce rifugiati e cittadini friulani nel segno del cricket. Il servizio di Elena Fiorani.

Uno dei modi più potenti per socializzare, da sempre, è l’attività sportiva, e lo è ancor di più per chi viene da angoli di mondo lontani. Punta sul linguaggio universale dello sport l’associazione udinese Ospiti in arrivo che ha promosso il progetto grazie a cui cittadini pakistani e afghani richiedenti asilo e protezione internazionale che ora vivono a Udine insegneranno i loro sport preferito a tutti coloro che vorranno partecipare, in maniera gratuita. Oltre a dare la possibilità di seguire partite e allenamenti, il progetto si svolgerà attraverso incontri tematici e workshop gestiti direttamente dagli stessi giocatori, che quindi avranno un ruolo primario nelle attività proposte. l’iniziativa, ideata in collaborazione con Uisp Udine, è tra i vincitori della terza edizione di PartecipAzione, il programma di Intersos e Unhcr che finanzia e supporta le associazioni di rifugiati che vivono in Italia

DIRITTI – Insieme per stare bene. Garantire una vita serena, l’inserimento lavorativo e l’equilibrio socio relazionale. Sono gli obiettivi di “Si può fare per il lavoro di comunità”, ente di terzo settore nato a giugno, con 45 soci di cui 25 associazioni di utenti, familiari, operatori e cooperative di tutta la Sicilia. Una realtà che promuove i diritti delle persone affette da patologie psichiatriche. Il coordinamento si è dato una veste giuridica per poter interloquire e fare proposte alle istituzioni.

CULTURA – “Social Film Production Con il Sud”. Dopo il successo della prima edizione, torna il bando che fa incontrare il mondo del cinema con il non profit per raccontare il Mezzogiorno attraverso i suoi fenomeni sociali. L’iniziativa è promossa da Fondazione Con il Sud e Fondazione Apulia Film Commission che mettono a disposizione 400 mila euro per produrre 10 opere in altrettante categorie tematiche. La scadenza è fissata per il 30 settembre.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»