VIDEO | Bar papà, il community blogger contro lo stereotipo del mammo

Intervista a Patrizio Cossa, improvvisatore, ma soprattutto papà, promotore del progetto Bar papà per combattere lo stereotipo di genere del ‘mammo'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – C’è la storia del papà che ha deciso di adottare un bambino; o quello che ha scoperto di essere gay dopo la nascita del secondo figlio; quelle di un ragazzo diventato padre a 21 anni, età giovanissima in questo momento storico; fino ad arrivare alla storia del papà separato. A marzo per Ultra Editore è uscito ‘Bar papà 2 – Altre storie maschie corrette al latte’ e l’autore Patrizio Cossa, improvvisatore, ma soprattutto papà, è il promotore del progetto Bar papà, nato sul web per combattere lo stereotipo di genere del ‘mammo’ (clicca qui per saperne di più)

Ai microfoni della Dire ha presentato la filosofia di questo libro: “Il nuovo libro raccoglie venti storie di venti padri diversi, famosi e non, che affrontano ogni giorno la paternita’ con tutte le sue difficoltà, con le sue paure e le sue gioie”. Tra i papà intervistati: Michele La Ginestra, Fortunato Cerlino e Stefano Fresi. “E’ la prima volta nella storia che noi papà possiamo permetterci di essere padri- spiega l’autore nell’intervista- possiamo cambiare un pannolino e portare a spasso i nostri figli senza essere considerati animali scomparsi e estinti da secoli. C’è una gran voglia di dire ‘ci siamo’” e così anche gli uomini, a volte, sono chiamati a fare le loro “piccole” rivoluzioni. Bar Papà è un bar virtuale dove i padri possono raccontarsi, condividere dubbi, incertezze e emozioni. Tutto è nato proprio sul web dall’esigenza di rivendicare l’appartenenza ad un ruolo e cancellare dall’immaginario collettivo l’appellativo “mammo”. Oggi Bar Papà è la più grande community di papà blogger d’Italia e un punto di riferimento per chiunque avesse bisogno di “istruzioni per l’uso”, complicità, ma anche di aiuto. Il progetto nel tempo è diventato “reale”, dando vita a luoghi d’incontro (vedi la Fiera dei papa’) ma anche ad uno sportello giuridico psicologico per papà in difficolta’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»