Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Venezia, Comune restaura ponte della guerra con 200mila euro

L’intervento prevede il ripristino strutturale del Ponte, la sistemazione delle due rive, comprensiva dei parapetti presenti e della pavimentazione in masegni di trachite e, a completamento dei lavori, verrà sistemata anche una porzione della pavimentazione di campo della Guerra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Il Comune di Venezia investirà 200 mila euro nel ripristino strutturale del ponte della Guerra nel Sestiere di San Marco, che garantisce la viabilità pedonale nella direttrice da Santa Maria Formosa a San Marco. “L’intervento prevede il ripristino strutturale del Ponte, la sistemazione delle due rive, comprensiva dei parapetti presenti e della pavimentazione in masegni di trachite e, a completamento dei lavori, verrà sistemata anche una porzione della pavimentazione di campo della Guerra”, spiega l’assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto.
“Si procederà nel massimo rispetto conservativo della struttura e non verranno apportate modifiche tali da alterare la geometria del ponte stesso”, conclude Zaccariotto. “Anche grazie a questi interventi puntuali l’amministrazione comunale sta dimostrando di prendersi cura di una città che necessita continuamente di opere di manutenzione. Investimenti fondamentali affinché la nostra città possa continuare a dimostrare ai veneziani e al mondo la sua unicità e il suo splendore”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»