Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, paura in via Bergamo: pezzo di muro cade in strada colpendo due auto

ROMA - Attimi di paura in via Bergamo, a Roma, dove un pezzo di muro si è staccato dalla facciata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Attimi di paura in via Bergamo, a Roma, dove un pezzo di muro si è staccato dalla facciata di un palazzo ed è caduto in strada, distruggendo il parabrezza di un’autovettura parcheggiata e colpendo di rimbalzo un’altra auto che stava passando in quel momento.

A causare la caduta dei calcinacci sono stati degli operai, impegnati in lavori sulla facciata del palazzo di fronte, che hanno divelto per errore un cavo dell’illuminazione stradale, provocando la caduta della porzione di muro alla quale era agganciato: “Abbiamo agganciato il cavo con il braccio meccanico e lo abbiamo staccato per errore”, ha ammesso all’Agenzia Dire uno degli operai impegnati nei lavori.

L’incidente è avvenuto intorno alle 13.30 di fronte al panificio Valli, in zona piazza Fiume, un posto molto frequentano dai lavoratori della zona specie durante ora di pranzo. A bordo dell’auto colpita c’erano una donna e sua figlia che, fortunatamente, non sono rimaste ferite. La padrona dell’autovettura parcheggiata e gravemente danneggiata, una volta giunta sul posto, si è rifiutata di rilasciare dichiarazioni ai cronisti: “Ci penseranno gli avvocati”.
















Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»