Il Ministero porta a Expo i disturbi del comportamento alimentare

MILANO - I disturbi del comportamento alimentare al centro dell'evento promosso all'Expo di Milano, al Vivaio scuole, dal
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – I disturbi del comportamento alimentare al centro dell’evento promosso all’Expo di Milano, al Vivaio scuole, dal ministero della Salute.

Incontri volti a informare i più giovani sulle corrette abitudini alimentari per soddisfare le proprie esigenze di benessere, psichico e fisico. Il focus di oggi su educazione nutrizionale e sportiva ha visto ospite la dottoressa Carmela Bagnato, dietologa nutrizionista presso la Asl di Matera.

Visto che l’alimentazione è considerata un determinante di salute, si è discusso su come una corretta nutrizione possa prevenire malattie croniche non trasmissibili e diverse disfunzioni proprie delle prime fasi dell’età, come l’obesità, che ad esempio aumenta il rischio di diabete, malattie cardiovascolari, tumori, malattie respiratorie, malattie epatiche, problemi di gravidanza, infertilità e malattie osteoarticolari. Importante l’aiuto dell’attività fisica e dello sport, che danno un’importante mano anche sull’aspetto psichico, andando spesso a sradicare le ansie che poi provocano un cattivo approccio al cibo. Vanno poi privilegiate acqua, fibre e frutta, sia per chi fa attività sportiva, sia per chi ha bisogno solo di movimento. Le fibre in particolare assumono grande importanza per la pulizia del colon e dell’intestino. I disturbi del comportamento alimentare sono condizioni estremamente complesse, ha spiegato la dottoressa, “finalizzate molto spesso al controllo del peso corporeo” e che nuocciono in maniera significativa alla salute fisica e a quella mentale. Accanto alle disfunzioni psico-fisiche più comuni come anoressia e bulimia troviamo altri disturbi meno noti come la ‘Pica‘, data dal consumo di sostanze non commestibili, il cosiddetto ‘Rumination disorder’, ossia il rigurgito di sostanze ingerite, il cosiddetto ‘Avoidant/Restrictive food intake disorder’, che consiste nel disinteresse per l’ingestione sufficiente di cibo, e il ‘Bed-Bing eating disorder‘, ossia il disturbo da abbuffate compulsive.

A fronte di questi disturbi, quali sono le linee-guida dell’Istituto nazionale della nutrizione? “Sicuramente controllare il peso senza ossessioni estetiche- ha sottolineato Bagnato- e affiancarlo a un’attività fisica moderata, chiedersi come e per quale motivo variare, ossia consapevolizzare il proprio disturbo, limitare il consumo di sale, capire quali e quanti grassi si possono consumare giornalmente, e così gli zuccheri. Inoltre, limitare le sostanze alcoliche. Se proprio non si può fare a meno, moderarsi: a quantità moderate l’alcol può avere anche benefici a livello cardiovascolare e per quanto riguarda l’umore“.

 

di Nicola Mente – Giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»