Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Lazio, edizione del 17 giugno 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, ZINGARETTI: PRESTO VIA LE MASCHERINE NEL LAZIO

Il premier Mario Draghi pensa all’ipotesi di rimuovere l’obbligo dell’uso delle mascherine all’aperto da metà luglio e anche il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, vede all’orizzonte tempi brevi. “Andiamo avanti così e presto quest’obiettivo diventerà concreto- ha detto il presidente della Regione- perché il tema non è solo togliere le mascherine ma farlo in sicurezza. Ora lo possiamo fare perché togliere le mascherine senza stare in sicurezza era un errore”.

VACCINO, D’AMATO: ENTRO IL 10 AGOSTO DOSI AL 70% CITTADINI LAZIO

Entro il 10 agosto il 70% dei cittadini del Lazio sarà vaccinato. L’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, ha confermato che “l’obiettivo è raggiungibile. Nelle ultime due settimane siamo stati sempre sopra il target giornaliero assegnato- ha detto D’Amato- Stiamo procedendo spediti e con serenità e l’incidenza è scesa a 18 casi ogni 100.000 abitanti”. Intanto, le somministrazioni sono vicine a quota quattro milioni e mezzo, di cui circa 1,6 milioni con il completamento del ciclo vaccinale.

ROMA, DA GOVERNO ECCO COMMISSARI PER TRAMVIE E NODO PIGNETO

Il governo ha individuato in Paolo Delli Veneri, dirigente in quiescenza del ministero delle Infrastrutture, e Vincenzo Macello, dirigente di RFI, i commissari per le nuove tranvie romane e il nodo del Pigneto. Il primo si occuperà della realizzazione della Termini-Vaticano-Aurelio, del collegamento tra Tiburtina e piazzale del Verano, del tram sulla Togliatti e della linea tranviaria Termini-Giardinetti-Tor Vergata. Il secondo, oltre a sbrogliare la matassa del nodo di scambio Pigneto, è stato nominato commissario anche per il raddoppio della linea ferroviaria Lunghezza-Guidonia.

COMUNALI, 8 AZIONI PER AFFRONTARE IL SOCIALE: ECCO PIANO CALENDA

Una banca dati sui servizi sociali, assunzioni per avere un assistente sociale ogni 5mila abitanti, un tavolo di confronto permanente con il terzo settore, l’erogazione dei servizi affidata ai Municipi, i centri anziani aperti anche ai giovani. Sono alcune delle azioni contenute nel piano sociale stilato da Carlo Calenda, candidato sindaco di Roma sostenuto da Azione e Italia Viva. “Con questi interventi- ha detto Calenda- rendiamo Roma una città in grado di rispondere più efficacemente a tutte le emergenze sociali presenti sul territorio e di fornire i servizi necessari alla quotidianità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»