Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Euro 2020, gioia Italia: 3-0 alla Svizzera e vola agli ottavi

italia euro 2020 foto figc
Doppietta di Locatelli, segna anche Immobile. Prossima partita contro il Galles
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Foto di copertina dal sito della Figc

ROMA – Altri tre gol e l’Italia vola agli ottavi di finale di Euro 2020. Grazie ad una prova intelligente da parte degli azzurri, che hanno saputo soffrire contro una squadra complicata da affrontare come la Svizzera di Vladimir Petkovic, partita meglio rispetto alla Turchia ma poi crollata anche lei sotto i colpi di Immobile e compagni. Soprattutto, però, di un protagonista forse inatteso come Manuel Locatelli, che sostituisce alla grande Marco Verratti, segnando una splendida doppietta, coronamento però di una prova corale ancora una volta di spessore. Allo stadio Olimpico di Roma è ancora 3-0, bissato il risultato dell’esordio con la Turchia.

LA PARTITA

La Svizzera non è un avversario facile da affrontare. E mette subito le cose in chiaro. Dai primi minuti, infatti, la squadra di Petkovic mette subito pressione agli azzurri, prende in mano l’iniziativa pur senza rendersi particolarmente pericolosa dalle parti di Donnarumma. Tra mediana e attacco, infatti, gli elvetici mostrano buone qualità, con i soliti Embolo, Xhaka e l’inossidabile Shaqiri, meno nella fase difensiva. Il primo squillo è però azzurro, al 10′ con Spinazzola che trova solo Immobile a centro area: il colpo di testa del laziale finisce però alto, da buona posizione. Al 18′ il gol annullato all’Italia. Su angolo di Insigne salta Chiellini, la palla sporca rimane lì e il difensore della Juventus riesce a trovare l’attimo per metterla dentro. Un attimo prima, però, l’aveva involontariamente toccata con le mani: come da regolamento, l’arbitro annulla, correttamente. Dopo pochi minuti, poi, la partita del capitano azzurro finisce anzitempo: al 24′ un problema muscolare lo mette ko, Acerbi ne prende il posto. Passano due minuti e arriva l’1-0 azzurro, targato Sassuolo. Locatelli, di prima intenzione, serve il compagno di club Berardi che affonda sulla destra dell’attacco azzurro, servendo al centro lo stesso Locatelli che trova l’1-0. Il centrocampista sostituto di Verratti apre e chiude alla grande l’azione del vantaggio italiano. Dopo 10 minuti la squadra di Roberto Mancini potrebbe raddoppiare con Spinazzola, ma dopo un affondo in solitudine sulla sinistra, il romanista non trova il sostegno dei compagni a centro area e conclude malamente da buona posizione. Nella ripresa bastano pochi minuti a Locatelli per trasformare in un sogno la serata azzurra. È il 6′ quando riceve palla da Barella: nessuno degli svizzeri lo marca, lo specchio è aperto, l’occasione troppo ghiotta e il sinistro di collo pieno è imprendibile per il 2-0 dell’Italia. Al 19′ la prima vera occasione (doppia) per la Svizzera e primo vero (doppio) impegno per Donnarumma in due partite. Zuber entra in area sulla sinistra, prima risposta del portierone azzurro che si ripete sul secondo tentativo dello svizzero. Doppio cambio per l’Italia e cambio di assetto per Mancini al 24′. Entrano Toloi e Chiesa, al posto rispettivamente di Berardi e Insigne: l’Italia passa ai 3 dietro, con Acerbi, Toloi e Bonucci, mentre davanti Chiesa fa coppia con Immobile. Gli azzurri sembrano abbassarsi con questa nuova disposizione, ma le occasioni migliori sono sempre le loro. Al 27′ lungo pallone di Bonucci per Immobile, dimenticato dagli svizzeri, il controllo è perfetto, meno la conclusione con il diagonale che finisce fuori misura. Più o meno la stessa cosa succede al 30′: Chiesa fugge centralmente, ottimo pallone sulla sinistra ancora per Immobile, ma il diagonale è ancora al lato. Al 44′, però, Immobile si riscatta, complice anche un intervento non perfetto del portiere svizzero: il laziale calcia da fuori, Sommer tocca appena ma non riesce a respingere, per il 3-0 azzurro. Gli ottavi sono centrati, contro il Galles si stabilirà se da prima della classe. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»