VIDEO | Salvini: “Porti aperti salvano vite”. Il lapsus conquista i social: conversione o esorcista?

Impazza sui social il video del lapsus del leader della Lega: "I porti chiusi condannano a morte migliaia di persone". E i leghisti seduti al suo fianco lo hanno applaudito
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sull’immigrazione avete fallito clamorosamente e la sanatoria non potrà che complicare la situazione. I porti aperti hanno salvato vite. I porti chiusi condannano a morte migliaia di persone“, ha detto Matteo Salvini al Senato, nel corso dell’intervento sull’informativa del premier Conte, puntando il dito contro il governo e la sinistra. Salvini non ha improvvisamente cambiato impostazione alla sua politica migratoria. Si tratta evidentemente di un lapsus che tuttavia ha divertito molto i social, dove il video riscuote un certo consenso tra i sostenitori della sinistra, al punto da piazzare l’hastag #Salvini e #portiaperti tra quelli di tendenza.

Potremmo esser di fronte alla più grande conversione del secolo“, scherza Alessandra Bogli su twitter. E Andrea Spinosi si chiede se il “Truce” sia rinsavito: “Nel dubbio chiamerei un esorcista”.

C’e’ chi come Teresa Melani tenta l’interpretazione psicologica. “Il lapsus freudiano si presenta in maniera improvvisa. Quello che appartiene al nostro inconscio non può essere controllato. Secondo Freud, la presenza di lapsus è un indice di un conflitto all’interno dell’individuo. Il suo inconscio non sopporta più le bufale che pensa!” L’account di Piu’ Europa coglie l’occasione più unica che rara per dichiararsi “Totalmente d’accordo con il lapsus di Salvini”. Anche i deputati Pd commentano il “lapsus o la voce del sen fuggita… fatto sta che è accaduto. Intervenendo in Senato, Salvini ha detto che la politica dei porti chiusi condanna a morte migliaia di persone. Noi lo sapevamo già. Lo abbiamo sempre saputo. E sempre lo ricorderemo alla Lega. Finalmente una verità”.

In molti, come Nicoletta Fersini, più che dall’errore in sè sono attratti dagli applausi dei leghisti che siedono accanto a Salvini. “Mega applauso scrosciante… I suoi evidentemente neanche lo ascoltano quando parla“. Ma cosa avrà indotto Salvini nell’errore? Eleonora Camilli, la giornalista del Redattore sociale che per prima si è accorta dello scivolone, ha un sospetto: “Devono essere state le ciliegie…”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»