Egitto, attivista: “Zaki resta in carcere, almeno altri 15 giorni”

Nel giorno del compleanno del ricercatore, amici e sostenitori hanno raccolto gli auguri in un video
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ stata confermata per altri 15 giorni la detenzione cautelare di Patrick Zaki, il ricercatore egiziano in carcere dall’8 febbraio scorso con l’accusa di sedizione tramite Facebook. A confermarlo all’agenzia Dire è Amr Abdelwahab, attivista e amico di Zaki, il quale riporta anche lo “sconforto” espresso dalla famiglia del giovane attivista, che ieri ha celebrato dietro le sbarre il 29esimo compleanno.

L’udienza si è svolta a porte chiuse, senza che né l’imputato né i suoi legali fossero ammessi in aula. Per esprimere la loro vicinanza, vari amici e sostenitori dello studente hanno registrato dei video di auguri che sono stati montati in un filmato di un minuto e mezzo, realizzato e condiviso dal gruppo su Facebook ‘Patrick Libero’. Dall’Egitto all’Italia, dove Zaki frequentava un master presso l’Università di Bologna prima dell’arresto, passando poi per Canada e Giappone, in tanti hanno mandato messaggi accompagnati da immagini delle piazze che si sono mobilitare per la sua liberazione.

LEGGI ANCHE: Egitto, la famiglia di Patrick Zaki: “Buon compleanno tesoro, ci manchi tanto”

Ieri Patrick ha compiuto 29 anni trascorrendo il suo compleanno tra i suoi nuovi amici nel carcere di Tora” si legge sul post che accompagna il messaggio. “In mezzo a tutto il dolore, quello personale e quello comune, abbiamo pensato ad un gesto per Patrick, che lo renderà felice quando sarà rilasciato e gli confermerà che non ci siamo dimenticati del suo compleanno. In tempi così difficili la cosa che ci fa andare avanti e lottare è esserci l’uno per l’altro e sostenerci a vicenda”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»