Iraq, la Turchia avvia operazione militare contro le basi dei curdi Pkk

Con l’operazione Artiglio di Tigre Ankara colpisce le basi in Iraq del Partito dei lavoratori del Kurdistan: “Dovere contro il terrorismo”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Turchia ha avviato oggi un’operazione militare contro basi del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) nel nord dell’Iraq, a seguito di quella che è stata definita da Ankara “una impennata di attacchi alle nostre stazioni di polizia e basi militari” in prossimità del confine.

OPERAZIONE ARTIGLIO DI TIGRE

Il ministero della Difesa turco ha reso noto che commando dell’esercito hanno fatto ingresso in Iraq nell’ambito di una operazione denominata Artiglio di tigre, supportati da droni ed elicotteri. Ad aprire la strada alla truppe di terra un bombardamento con cannoni e lanciarazzi che, secondo fonti di Ankara, ha colpito oltre 150 obiettivi in territorio iracheno.

I RAID DI ERDOGAN

Nel fine settimana l’esercito agli ordini del presidente Recep Tayip Erdogan aveva già effettuato alcuni raid aerei nel nord dell’Iraq, definiti dal governo di Baghdad “una violazione della nostra sovranità”. Le operazioni sono state invece difese dall’esecutivo di Ankara, che le ritiene parte del “diritto e dovere di combattere i terroristi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»