Bonomi (Confindustria) attacca: “Restituire subito 3,4 miliardi di accise energia alle imprese”

Dagli Stati generali intanto Conte rassicura: "Non abbiamo nessun pregiudizio verso la libera iniziativa economica, l'impresa è il pilastro della nostra società"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Chiedo immediato rispetto per sentenza magistratura che impone restituzione di 3,4 mld di accise energia, impropriamente pagate da imprese e trattenute dallo Stato nonostante la sentenza della Corte di Cassazione che ne impone la restituzione”. Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, lo scrive su Twitter aggiungendo gli hashtag #ServireItalia e #StatiGenerali.

CONTE: NESSUN PREGIUDIZIO VERSO IMPRESE, SONO PILASTRI DELLA SOCIETÀ 

“Qualcuno crede che questo governo abbia un pregiudizio nei confronti della libera iniziativa economica. Voglio precisarlo molto chiaramente: le misure che abbiamo elaborato e inserito nei nostri provvedimenti sono dedicate al sostegno delle imprese”. Lo ha detto il presidente del consiglio, aprendo gli incontri della quarta giornata degli Stati Generali, dedicati al mondo delle imprese.

“Da parte di questo governo c’è una costante attenzione per il sostegno alle imprese. Per noi l’impresa è un pilastro della nostra società. Nessun pregiudizio da parte del governo, possiamo avere diversità di opinioni e valutazioni, ci sta, ma qui non c’è nessun pregiudizio ideologico. Preservare l’impresa e metterle in condizione di poter affrontare vigorosamente e in modo resiliente uno shock come questo è una priorità del nostro Paese, altrimenti non andiamo da nessuna parte”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»