Appello bis Mondo di mezzo, possibile ricalcolo pene dopo l’estate

Dopo l'arrivo delle motivazioni della sentenza che ha ribaltato le cose e fatto cadere il 416 bis, ora Corte d'appello deve fissare la data dell'udienza per il nuovo processo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si terrà con tutta probabilità dopo l’estate, l’appello bis per rideterminare le pene per una ventina di imputati nel processo ‘Mafia Capitale’. Tra questi anche alcuni dei principali protagonisti dell’inchiesta come Salvatore Buzzi, ai domiciliari, e Massimo Carminati uscito ieri al carcere di Oristano dopo che il Tribunale della Libertà ha accolto l’istanza di scarcerazione per scadenza dei termini di custodia cautelare presentata dai suoi difensori.

LEGGI ANCHE: Ignazio Marino: “Carminati genio del male, sulla scarcerazione c’è qualcosa che mi sfugge”

Carminati, dopo una detenzione durata 5 anni e 7 mesi, attenderà dunque da uomo libero il nuovo processo d’Appello che dovrà ridefinire la pena dopo che il 22 ottobre scorso i giudici della VI sezione della Corte Cassazione hanno fatto cadere per tutti gli imputati il 416 bis. Venerdì scorso sono state depositate dai supremi giudici le motivazioni della sentenza con cui e’ caduta l’accusa di mafia ora, dopo l’invio degli atti, toccherà alla Corte d’Appello fissare l’udienza che, secondo quanto si apprende, non è escluso avverrà dopo l’estate.

LEGGI ANCHE: ‘Mondo di mezzo’, la Cassazione ribalta la sentenza: “Non fu mafia capitale”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»