Omofobia, Zan (Pd): “Lega e Fdi cercano di rallentare, ma la legge non è rinviabile”

"Siamo di fronte a un'emergenza: persone solo per il fatto di essere omosessuali o transessuali vengono picchiate, bullizzate e fatte oggetto di violenza e questo non e' accettabile in un paese civile"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “In commissione giustizia della Camera la legge contro l’omotransfobia e la misoginia sta andando avanti abbastanza speditamente, anche se vediamo che le opposizioni, in particolare Lega e Fratelli d’Italia, stanno presentando molte richieste di audizione, cercando di rallentare i lavori“. Lo spiega Alessandro Zan, relatore del ddl che mercoledi’ della prossima settimana depositera’ il testo base.

Interpellato dalla ‘Dire’, il deputato del Pd sottolinea: “Io spero e auspico che ci sia un clima positivo e costruttivo tra maggioranza e opposizione, perche’ questa non e’ una legge della maggioranza, ma serve al paese. Siamo di fronte a un’emergenza: persone solo per il fatto di essere omosessuali o transessuali vengono picchiate, bullizzate e fatte oggetto di violenza e questo non e’ accettabile in un paese civile”.

Zan osserva che “l’Italia e’ uno degli ultimi paesi in Europa, siamo fanalino di coda sui temi dell’accettazione e poi c’e’ la questione della misoginia, perche’ anche le donne sono oggetto di violenze e di un clima d’odio in rete“. Insomma, conclude il parlamentare dem, “serve una legge, non e’ piu’ rinviabile”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»