Ignazio Marino: “Carminati genio del male, sulla scarcerazione c’è qualcosa che mi sfugge”

ignazio marino
L'ex sindaco di Roma commenta su facebook la notizia della scarcerazione di Massimo Carminati dopo l'arresto nellambito dell'inchiesta 'Mondo di mezzo'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ho dubbi sul fatto che Massimo Carminati sia un genio del male. Nelle intercettazioni spiega di aver letto il mio curriculum ed elenca i nomi dei politici di cui fidarsi (alcuni ancora con importanti cariche nazionali) mentre spiega che non ci possa fidare di me e di aver studiato la mia vita e gli obiettivi che ho raggiunto, anche in sala operatoria, ‘facendo squadra’. Pero’ scusate non capisco un fatto: in quest’articolo di Federica Angeli, giornalista che ammiro e stimo, c’e’ scritto, nel finale, che l’autorizzazione alla scarcerazione, e’ legata al fatto che e’ decaduta l’accusa di Mafia, e che quest’ultimo provvedimento e’ stato firmato dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Sullo stesso quotidiano c’e’ scritto che ‘Bonafede ha inviato gli ispettori del ministero’ per appurare le modalita’ della scarcerazione. Ma se si tratta dello stesso Ministro Alfonso Bonafede che senso ha? Il senso di un titolo su un giornale o c’e’ qualcosa che mi sfugge?“. Cosi’ in un post di Facebook l’ex sindaco di Roma Ignazio Marino.

LEGGI ANCHE: Massimo Carminati esce dal carcere. Bonafede manda gli ispettori

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»