Elezioni Cagliari, pronto il ricorso di Ghirra: “Serve una verifica del Tar”

L'assessora comunale uscente, in una conferenza stampa non ha escluso un ricorso al Tar sull'esito delle elezioni amministrative nel capoluogo sardo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Ci siamo già confrontati con i nostri legali per definire quali procedure seguire in questa fase, valutando ogni possibile interlocuzione con la commissione elettorale. E senza escludere di verificare la situazione in sede amministrativa”. A dirlo è la candidata sindaco di Cagliari del centrosinistra, Francesca Ghirra, dopo la vittoria al primo turno dello sfidante Paolo Truzzu, a capo della coalizione del centrodestra. 

L’assessora comunale uscente, in una conferenza stampa non ha escluso un ricorso al Tar sull’esito delle elezioni amministrative nel capoluogo sardo. Motivo? “Su 69.282 votanti- spiega- Truzzu ha preso 33.933 preferenze, quando il numero necessario per non non andare al ballottaggio era di 33.853 voti: un margine dunque di 80 preferenze, con quasi 1.300 schede nulle. Io inviterei i nostri avversari alla prudenza, prima di festeggiare la vittoria”. 

Al di là del risultato delle elezioni, sottolinea Ghirra, “che poi verificheremo, la campagna elettorale è stata un’esperienza straordinaria, che ha animato la città nell’ultimo mese. Ringrazio i tanti cagliaritani che mi hanno voluto dare fiducia, nonostante un clima a noi sfavorevole, non solo da un punto di vista politico”. Il riferimento di Ghirra è alla “guerra dei rifiuti” che si è scatenata in campagna elettorale, con accuse reciproche tra i due candidati sul proliferare di discarche abusive per le strade della città: “Un tema- spiega- diventato la colonna portante in campagna elettorale, quando invece avremmo voluto parlare di futuro e progetti di sviluppo della città. La notte prima delle elezioni si sono verificati, contemporaneamente, tre roghi di rifiuti in città. Non era mai successo, anche questa cosa è da verificare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»