Ue, Fortuna: “Servono dati convincenti per evitare la procedura d’infrazione”

L'intervista a Fabio Fortuna, economista e rettore dell’Università Niccolò Cusano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa settimana è importante perché potrebbero esserci degli sviluppi, l’Europa attende una lettera del premier Conte che illustri la situazione dando qualche numero, cercando di tirar fuori argomentazioni convincenti. Certamente la situazione è abbastanza complessa“. Così Fabio Fortuna, economista e rettore dell’Università Niccolò Cusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus. “E’ giusto quanto detto da Salvini sul fatto che l’Italia non si accontenterà delle briciole- ha aggiunto- dobbiamo acquisire consapevolezza del fatto che l’Italia è un Paese indispensabile per la sopravvivenza europea. Però cerchiamo anche di non allontanarci troppo dall’obiettivo che è quello di evitare la procedura d’infrazione. In un momento in cui c’è un ricambio in sede parlamentare europea, cambiano cinque posizioni importanti, tre delle quali erano italiane e difficilmente riusciremo a riaverne tre su cinque, potremmo accontentarci di uno su cinque in questa fase, visto che vale anche un criterio di rotazione. Dobbiamo convincere l’Ue tirando fuori dei numeri accettabili, a partire dal rapporto deficit-pil che dovrebbe attestarsi al 2,1%-2,2%, inferiore al 2,6% paventato in sede internazionale. Anche a novembre la procedura d’infrazione sembrava inevitabile e alla fine siamo riusciti a trovare una soluzione, sono convinto che in qualche modo ce la faremo anche stavolta, a condizione che le comunicazioni che l’Ue si aspetta sui dati dimostrino che c’è una buona volontà reale da parte dell’Italia, legata ai dati, non solo alle buone intenzioni”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»