Cagliari al centrodestra, è Paolo Truzzu di Fratelli d’Italia il nuovo sindaco

Si ferma al 51,71% l'affluenza, nettamente inferiore alla partecipazione alle ultime comunali nel capoluogo:nel 2016 l'affluenza era stata del 60,19%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Paolo Truzzu è il nuovo sindaco di Cagliari. L’esponente di Fratelli d’Italia, dopo un avvincente testa a testa all’ultimo voto con la candidata del centrosinistra, Francesca Ghirra, è riuscito a vincere al primo turno, raggiungendo -a fatica- il quorum.

Quando manca una sola sezione da scrutinare, Truzzu ha superato di poco la soglia fatidica del 50% (50,4%). Ghirra, assessora comunale uscente, si è fermata al 47,5%.

Staccatissimo l’altro candidato, l’ambientalista Angelo Cremone, appena sopra il 2%. Dopo l’esperienza di Massimo Zedda, alla guida della città dal 2011, Cagliari torna dunque dopo otto anni al centrodestra.

Si ferma al 51,71% l’affluenza. Dato più alto del rilevamento delle 19, che registrava il 32,78%, ma nettamente inferiore alla partecipazione alle ultime comunali nel capoluogo: nel 2016 l’affluenza era stata del 60,19%.

LE PRIME PAROLE DEL NEO SINDACO

“Cagliari ha voluto cambiare perché i cittadini negli ultimi anni non sono stati ascoltati. La prima cosa da fare, l’ho sempre detto in campagna elettorale, sarà quello di pulire questa città: Cagliari è sporchissima, il mio impegno è garantire una pulizia straordinaria del nostro capoluogo”. Queste le prime parole di Paolo Truzzu, neo sindaco di Cagliari, dopo la vittoria raggiunta oggi alle comunali contro la sfidante del centrosinistra, Francesca Ghirra.

“Oggi abbiamo ottenuto la vittoria per un soffio, ma è pur sempre una vittoria- spiega Truzzu ai giornalisti-. Sono contento del risultato ottenuto da Fratelli d’Italia, primo partito del centrodestra a Cagliari. Ma io sono un ‘unionista’: ho sempre detto che il centrodestra, quando non litiga, viene premiato dagli elettori e vince”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»