NEWS:

Voleva strappargli le orecchie, gli ha stretto la mano: pace fatta tra Allegri e il direttore di Tuttosport

E' finita con una nota diplomatica congiunta la querelle con Vaciago. Intanto il tecnico sta per essere esonerato dalla Juventus

Pubblicato:17-05-2024 14:53
Ultimo aggiornamento:17-05-2024 20:01

allegri
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Massimiliano Allegri voleva strappargli le orecchie, alla fine gli ha stretto la mano. Pace fatta tra il tecnico della Juventus con le ore contate, e il direttore di Tuttosport Guido Vaciago. I due, dopo aver battibeccato a distanza per un giorno sulle modalità d’aggressione all’Olimpico, hanno “risolto l’incresciosa situazione” con una nota congiunta all’Ansa. Una resa diplomatica per soffiare via almeno quel polverone, un attimo prima dell’esonero incombente. Allegri oggi ha diretto il suo ultimo allenamento, potrebbe saltare entro sera.

“Con riferimento ai fatti avvenuti nel post gara di Atalanta-Juventus – si legge nella nota burocratica, evidentemente scritta dai legali – e riguardo al ‘botta e risposta’ mediatico tra loro intercorso ieri, l’allenatore Massimiliano Allegri ed il direttore di Tuttosport Guido Vaciago dichiarano che, dopo essersi parlati, hanno risolto l’incresciosa situazione che li ha riguardati ed hanno definito ogni loro questione con spirito di collaborazione e senso di responsabilità. Allegri si è rammaricato per quanto accaduto mercoledì notte, spiegando che non intendeva affatto minacciare o insultare Guido Vaciago. Così si è ristabilito tra loro quel clima di cordialità, distensione e massimo rispetto umano e professionale che sempre vi è stato”. Amen, la rissa è finita, andate in pace.

LEGGI ANCHE: Allegri “licenziato” dai giornali della famiglia Elkann: “Una creatura di Tim Burton, spaventoso e grottesco”


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy