hamburger menu

‘Play music stop war’, a Roma un concerto per dire no alla guerra

Tanti gli artisti che saliranno sul palco di Piazza del Popolo sabato 21 maggio. L'evento è promosso dalla Comunità di Sant’Egidio

Play Music Stop War

ROMA – Sabato 21 maggio, in Piazza del Popolo a Roma, dalle ore 18 si terrà ‘Play music stop war’, un evento a ingresso libero per dire no alla guerra con la musica. Un concerto che ha l’obiettivo di sostenere il lavoro umanitario e l’accoglienza ai profughi dall’Ucraina promosso dalla Comunità di Sant’Egidio.
Il concerto si aprirà con i finalisti di un contest, giunto alla sua decima edizione, che con la loro arte contribuiscono a diffondere messaggi per la solidarietà e l’integrazione. Dalle 19.30 si esibiranno artisti e band che uniranno la loro voce per chiedere la fine della guerra in Ucraina e di ogni guerra nella convinzione che l’unico futuro possibile ponga le sue fondamenta sulla pace.

LA LINE UP DELL’EVENTO

Nella line up: Anastasio, Niccolò Carnesi, cmqmartina, Comete, Ditonellapiaga, Fasma, Fellow, gIANMARIA, Marco Guazzone, Giulia Luzi, Angelina Mango, Motta, Orchestraccia e Matteo Romano e tante altre sorprese. Il concerto sarà presentato da Carolina Di Domenico e Pier Ferrantini con la partecipazione di Giulia Luzi e Carolina Rey, mentre la Social Band di Stefano Cenci accompagnerà nelle loro performance gli artisti sul palco.

UNA RACCOLTA FONDI PER L’UCRAINA

Durante la serata saranno raccolti fondi per sostenere gli aiuti che la Comunità di Sant’Egidio da Leopoli sta facendo pervenire in tutte le zone colpite dal conflitto in Ucraina e l’accoglienza ai profughi nei paesi limitrofi e in Italia. L’accesso all’area del concerto sarà possibile dalle 17.30. I biglietti gratuiti sono prenotabili sul sito web: www.playmusicstopviolence.com o al link https://playmusicstopwar.eventbrite.com.

LEGGI ANCHE: Bonetti ai rifugiati e alle donne ucraine della Comunità Sant’Egidio: “L’Italia è la vostra casa”

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-17T15:21:48+02:00