Convegno Arsial-Università, marketing digitale a servizio delle aziende del Lazio

Rosati: "Così il mondo può conoscere i nostri prodotti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un video interattivo che con un click racconta la storia di un’azienda, una foto pubblicata sul giusto social network per arrivare a piu’ persone possibili, le parole adatte per conquistare un pubblico nuovo. Nell’era di internet, per molte imprese il marketing digitale diventa lo strumento cardine per stare sul mercato.

Che siano piccole, medie o grandi, anche le aziende enogastronomiche del Lazio sono sempre piu’ presenti in rete, anche se non sempre e’ facile scegliere la strategia di comunicazione migliore. Per questo oggi Arsial e l’Associazione Universita’ Ricerca Innovazione Societa’ Auris onlus, costituita da docenti universitari provenienti dagli atenei del Lazio e da ricercatori di enti di ricerca pubblici e privati, hanno organizzato ‘Il marketing digitale per la valorizzazione dei prodotti enogastronomici del Lazio’.

Il convegno, che si e’ svolto negli spazi del We Gil, a Roma, e’ stato anche un momento di incontro con le aziende produttrici che hanno ricevuto consigli, spunti e chiarimenti sul mondo del marketing digitale. “Siccome interet ormai e’ la nostra vita e viviamo tutti collegati agli smartphone- ha detto il presidente Auris, Gianni Orlandi- e’ chiaro che anche il mondo della produzione, in modo particolare l’agroalimentare, deve cogliere quest’opportunita’. È il momento giusto: la curva delle opportunita’ date dall’uso del digital social marketing ci dice infatti che siamo al culmine, e’ il momento per poter utilizzare questi strumenti”.

Per questo, ha detto ancora, “ci e’ sembrato utile organizzare questa giornata per mettere a disposizione delle aziende enogastronomiche del Lazio queste competenze e creare una squadra per far si’ che questa regione diventi sempre piu’ un punto di riferimento a livello nazionale, ma anche internazionale”. Tra le suggestioni arrivate agli imprenditori, anche il sistema digitale innovativo Tag4Video, che consente di rendere interattivo qualsiasi tipo di video aggiungendo contenuti multimediali attraverso dei tag con cui si aprono diverse finestre con informazioni e contenuti extra. Molte le domande da parte dei titolari delle aziende enogastronomiche del Lazio alle prese con Facebook, Instagram, sito web e blog.

“Abbiamo fatto questa giornata di lavoro e di scambio di opinioni- ha detto il presidente di Arsial, Antonio Rosati- perche’ insieme all’Universita’ e alla facolta’ di Ingegneria stiamo ragionando su come proporre delle start up certificate, quindi dei giovani ricercatori, che possano entrare nel sistema dell’agroalimentare del Lazio e offrire un’opportunita’ in piu’ alle nostre aziende, che sono piccole e medie imprese, per farsi conoscere meglio in Italia e nel mondo, con costi contenuti, e diffondere le nostre eccellenze agroalimentari e i nostri territori. Vale a dire- ha spiegato infine Rosati- quell’economia della bellezza, formata da cibo, turismo e cultura, che e’ la carta vincente che dobbiamo giocare nel mondo per creare lavoro e ricchezza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»