fbpx

Gli urologi: “Le circoncisioni in casa sono un crimine”

BOLOGNA – Fare le circoncisioni in casa “è veramente un crimine”. Va fatta sempre “sotto il diretto controllo di un esperto”. Parola di Maurizio Carrino, primario di andrologia dell’ospedale Cardarelli di Napoli, presente al congresso dell’associazione urologi italiani (Auro), in corso in questi giorni a Bologna.

SEGUI LO SPECIALE SUL XXVI CONGRESSO DELL’AURO

Nelle ultime settimane il tema della circoncisione è balzato agli onori della cronaca per la morte di alcuni bambini, in seguito alle infezioni contratte durante le operazioni fatte in casa.

“E’ veramente un crimine- commenta Carrino- perchè la circoncisione, per quanto sia un intervento semplice richiede delle competenze mediche. E talvolta può diventare complessa anche per un clinico esperto, per anomalie anatomiche dell’uretra. Noi abbiamo messo a punto una tecnica particolarmente non invasiva, soprattutto nei bambini, che è una auto-suturatrice automatica che consente l’intervento in pochi minuti. Questo però va fatto in ambiente idoneo, sotto il diretto controllo di un urologo esperto”.

Quindi “assolutamente mai in casa– ammonisce l’esperto- è veramente un crimine”.

SEGUI LO SPECIALE SUL XXVI CONGRESSO DELL’AURO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»