L’Aquila Grandi Speranze, le anticipazioni della quinta puntata

Penultimo appuntamneto con la fiction diretta da Marco Risi, con Donatella Finocchiaro, Giorgio Tirabassi, Giorgio Marchesi, Luca Barbareschi e Valentina Lodovini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Va in onda questa sera alle 21.20 su Rai 3 la quinta puntata de ‘L’Aquila Grandi Speranze’, la fiction diretta da Marco Risi e interpretata da Donatella Finocchiaro, Giorgio Tirabassi, Giorgio Marchesi, Luca Barbareschi e Valentina Lodovini.

Flop “L’Aquila Grandi Speranze”: cambia canale e giorno di programmazione

E’ passato un anno e mezzo dal terribile terremoto che ha devastato l’Abruzzo. In città si intrecciano le vicissitudini di varie famiglie, alle prese con la complicata realtà post sismica. 

Nella quinta puntata:

Franco, dopo le scoperte del Pm, è costretto a riallacciare i rapporti con suo padre, dopo anni di silenzi. 

Gianni e Riccardo, invece, arrivano a un punto definitivo di rottura e il costruttore gioca d’anticipo, presentando alla stampa il progetto della Nuova Aquila.

Elena ha deciso, invece, di lasciarsi tutto alle spalle e di trasferirsi a Roma per inseguire gli studi universitari. Ma non c’è solo questo: la sua crisi va oltre il campo professionale perché riguarda anche il suo cuore. Sarà a Roma che Elena capirà la natura dei sentimenti nei confronti di Viviani.
 

Simone e Margherita non riescono a separarsi e, andando contro la volontà delle famiglie, diventano sempre più vicini, più complici. La loro vicinanza nuoce però a Davide, il quale, suo malgrado, si trova a gestire anche la separazione dei genitori.

L’Aquila Grandi Speranze (deluse): la fiction Rai vince la gara degli ascolti ma non piace agli aquilani 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»