Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, a Palazzo Barberini aprono 11 nuove sale e la mostra ‘Eco e Narciso’

Questa ala del Palazzo costituiva l'Appartamento nuovo destinato ai cardinali della famiglia ed è dunque noto come 'Appartamento d'inverno di Sua eminenza'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da oggi i cittadini romani e i turisti potranno ammirare, per la prima volta, undici nuove sale di Palazzo Barberini, che si estendono su oltre 750 metri quadri di percorso espositivo, affacciate sui giardini. Questa ala del Palazzo costituiva l’Appartamento nuovo destinato ai cardinali della famiglia ed è dunque noto come ‘Appartamento d’inverno di Sua eminenza’.

Per celebrare questo evento le nuove sale ospiteranno la mostra ‘Eco e Narciso’, realizzata dalle Gallerie Nazionali in collaborazione con il Maxxi

Il titolo fa riferimento al mito raccontato nelle Metamorfosi di Ovidio: la ninfa Eco si consuma d’amore per Narciso che la respinge e che morirà annegata, punito dagli Dei. Trentasette le opere esposte di 25 artisti in dialogo sul tema del ritratto e dell’autoritratto: da Caravaggio a Giulio Paolini, da Raffaello a Richard Serra da Bernini a Yan Pei Ming. Il percorso della mostra parte dal Salone Pietro da Cortona.

Ognuno potrà creare il proprio percorso

“È un percorso di scoperta di queste Sale e di come gli artisti hanno affrontato il tema del ritratto” ha detto il direttore del Maxxi, Bartolomeo Pietromarchi, durante la presentazione. “Guardare le cose con occhi diversi, sia al passato che al presente, è importante per la mostra- ha aggiunto la curatrice e direttrice delle Gallerie Nazionali, Flaminia Gennari Santori- È una prospettiva su come ingaggiare il pubblico, ognuno potrà “creare” il proprio percorso”.

La presidente della Fondazione Maxxi, Giovanna Melandri, ha spiegato infine che “questo progetto è il coronamento di una collaborazione tra due istituzioni nazionali e le opere scelte sono di grande attualità. La mostra è magnifica. Tra l’altro almeno due opere entrerannno nella collezione del Maxxi”.


Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»