Coronavirus, altri 575 morti e più di 1200 dimessi. Borrelli: “Stop a conferenza stampa quotidiana”

La Protezione civile rimodula le modalità della conferenza stampa: i dati saranno caricati quotidianamente sul sito internet
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sono 575 le persone decedute per coronavirus nella giornata di oggi, i morti salgono così a 22.745. Le persone attualmente malate sono 106.962, in aumento di 355 rispetto a ieri, mentre si consolida il calo della pressione sul sistema sanitario: i ricoverati in terapia intensiva scendono di 124 unità, mentre quelli ricoverati nei reparti calano di 1.107 unità. Questi i dati diffusi oggi dalla protezione civile sull’andamento dell’epidemia di coronavirus in Italia.

“Si è decisamente alleggerita la pressione sul sistema sanitario, ormai è un dato consolidato. Il grande lavoro degli ospedali, le misure di contenimento e la collaborazione dei cittadini hanno reso possibile il rallentamento della curva”. Così il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli

Per questo, spega ancora Borrelli, è stata deciso di rimodulare le conferenze stampa della Protezione civile che, dalla prossima settimana, si svolgeranno solamente il lunedi e il giovedì, sempre alle 18. Per garantire la massima trasparenza, ogni giorno alle 18 i dati sulla diffusione dell’epidemia verranno pubblicati online sul sito della Protezione civile. A questi appunamenti si affiancano le consuete, conferenze stampa del commissario per l’emergenza Arcuri (martedì e sabato alle ore 12) e dell’Istituto superiore di Sanità (venerdì ore 12).

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Iss: “Curva in decrescita, ma il virus non sta scomparendo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»