Di Maio: “Chiederemo alle Ue tutti i soldi che servono, senza l’Italia l’Europa non esiste”

Il ministro degli Esteri parla a France24: "Per l'Europa è una sfida storica"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “L’Italia non chiede a nessuno di pagare i suoi debiti”. Lo mette in chiaro il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in un’intervista a France 24.

“Stiamo andando nella direzione giusta. Facciamo in modo che il 23 aprile si avvii un nuovo corso storico per l’Ue. Noi chiediamo di trovare degli strumenti, non necessariamente con il nome di eurobond o coronabond, che consentano di creare delle condizioni favorevoli a tutti gli stati membri, cosi’ che ogni stato possa spendere i soldi che servono per aiutare i propri concittadini. Non chiediamo ad altri paesi di pagare i nostri debiti, abbiamo sempre rispettato i nostri impegni“, dice Di Maio.

“Ma in questa fase – aggiunge- e’ importante chiarire che non possiamo affrontatre una situazione inedita con strumenti del passato”.

Di Maio osserva: “In questa fase se cade uno, cadono tutti. Non esiste un’Unione europea senza l’Italia o senza la Francia. Noi non vogliamo fare il gioco di chi pensa che qualcuno possa uscire dalla famiglia europea. Noi crediamo nei principi fondativi a cominciare dalla solidarieta’. Quello che faremo noi fino all’ultimo momento e’ ottenere il miglior risultato possibile per il popolo italiano ed europeo”.

“Oggi ci sono due sfide fondamentali: quella sul vaccino, che deve vedere il mondo unito in una grande alleanza contro il virus, e quella europea. E soprattutto l’Ue dovrà essere all’altezza di questa sfida, una sfida storica. Facciamo in modo che il 23 aprile si possa avviare un nuovo corso. Il governo è determinato, in Europa andremo a chiedere tutti i soldi necessari a superare questa crisi”, ha specificato Di Maio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»