La Rai rende omaggio a Luis Sepúlveda

Su Rai5 il documentario “Luis Sepúlveda, lo scrittore del sud del mondo”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ieri all’ospedale di Oviedo, in Spagna, e’ venuto a mancare lo scrittore cileno Luis Sepúlveda, aveva 70 anni. A causare il decesso il Covid-19. “Sono uno scrittore perché non so fare altro che raccontare storie. Ma sono anche un essere sociale, un individuo che rispetta sé stesso e intende occupare un piccolo posto nel labirinto della storia. Da questo punto di vista, sono il cronista di tutti coloro che giorno dopo giorno vengono ignorati, privati della storia ufficiale, che è sempre quella dei vincitori”. Così Luis Sepúlveda parlava di sé e della sua scrittura nel documentario “Luis Sepúlveda, lo scrittore del sud del mondo” che Rai Cultura propone venerdì 17 aprile alle 12.30 su Rai5 per un omaggio allo scrittore cileno appena scomparso.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, è morto lo scrittore cileno Luis Sepulveda

Il documentario è un tuffo nella storia e nello spirito sudamericano, tra amicizie e viaggi nel “mondo alla fine del mondo”, dall’Amazzonia alla Patagonia, dall’Europa mitteleuropea alla Spagna, attraverso la vita e l’opera di Sepúlveda.

CHI ERA LUIS SEPÚLVEDA

Attivista instancabile e grande narratore, Sepúlveda ha raggiunto la fama internazionale nel 1989 con il suo primo romanzo: “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”. Al talento dello scrittore, aggiungeva l’impegno politico contro gli effetti lasciati in Sud America dalle dittature militari, a favore dell’ecologia militante, dei popoli indigeni del Sud America, contro il razzismo in Europa. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»