Fase 2, Bonaccini: “Bar e ristoranti devono stare chiusi”

BOLOGNA - Sì alle aziende, a partire da automotive, ceramiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Sì alle aziende, a partire da automotive, ceramiche e moda, i settori a più alto tasso di export. No per ora, invece, alla riapertura di bar e ristoranti. Il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini lo ha confermato ieri durante una intervista a Tagada’, su La7.

“Bisogna cercare di decidere alcune filiere piuttosto che altre perché ad esempio ciò che crea assembramenti a mio parere va evitato“, ha sottolineato Bonaccini. “Non mi sentirei mai di riaprire tra pochi giorni, anche se il Governo lo decidesse, i ristoranti e i bar”.

Il modello per la fase 2 è la Granarolo. “Una grande impresa- la cita Bonaccini- che ha 2.000 dipendenti sparsi in tutta Italia, non ha mai chiuso e ha avuto casi” di infezioni da Covid-19 “che si contano sulle dita di una mano”.

LEGGI ANCHE: “Tracciare-testare-trattare”, la fase 2 dell’Emilia-Romagna

Quanto al turismo, ha detto ancora il governatore, “è il settore più complicato da far ripartire” per lo stop ai collegamenti e le necessità di distanziamento sociale. Rispetto a questo “noi abbiamo un piccolo vantaggio per quando si ripartirà, avere il 70% di turismo nazionale”.

Per questo si conta molto sul bonus vacanze che il Governo dovrebbe introdurre, perché la somma andrebbe spesa interamente in località italiane.

LEGGI ANCHE: Pasti all’ombrellone o in stanza, l’Emilia-Romagna prova a salvare l’estate

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»