Giornale radio sociale, edizione del 17 aprile 2020

Approfondimenti e notizie sul sociale su www.giornaleradiosociale.it
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

SOCIETA’ – Dimenticati. È duro il commento del Portavoce del Forum Terzo Settore della Sicilia, Giuseppe Di Natale, alla manovra d’emergenza. “Avevamo chiesto la creazione di un fondo per sostenere il mondo associativo e gli enti di terzo settore. Ma invece non c’è niente per i volontari, né per le persone con disabilità, i minori, i senza dimora. Nulla per far crescere la solidarietà”.

INTERNAZIONALE –  #FreeTheKids – E’ la campagna lanciata da Human Rights Watch per sollecitare il Primo Ministro greco a rilasciare immediatamente i minori migranti non accompagnati in condizioni di reclusione per trasferirli in strutture sicure e adatte ai bambini. Una situazione che in questo periodo li espone anche al rischio di contrarre il Covid-19.

ECONOMIA – Cambiare rotta. L’osservatorio “Mutamenti Sociali in Atto-Covid 19” di Cnr e Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (Irpps) realizzato in collaborazione con L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e Fondazione Movimento Bambino Onlus ha realizzato un sondaggio in cui si evince che in Italia, circa 4 persone su 10 prevedono di andare incontro a gravi perdite economiche, più di una su 10 di perdere il lavoro o la propria attività, e una su 5 di finire in cassa integrazione.  

DIRITTI – Pubblici, ma non per tutti.  In un momento in cui l’informazione è fondamentale per combattere la pandemia, è diventata palese la discriminazione nei confronti delle persone con disabilità, che spesso non hanno la possibilità di accedere alla rete e quindi ai dati.  Si dovrebbe invece applicare la Direttiva Europea che stabilisce gli standard di accessibilità per i siti web e le applicazioni mobili degli Enti Pubblici, recepita in Italia nel 2018.

SPORT – Tutto il Mura che c’è. Da oggi in edicola con Repubblica “Il mondo di Gianni Mura”, una raccolta degli articoli del grande giornalista scomparso il 21 marzo. Il servizio di Elena Fiorani
In realtà è praticamente impossibile racchiudere il talento, l’estro, l’ironia di Gianni Mura in un volume, ma è il tentativo che Giuseppe  Smorto e Angelo Carotenuto hanno voluto fare con questo libro, per cui il direttore de la repubblica Carlo Verdelli ha scritto la prefazione.  E’ un omaggio a Mura, ma anche ai suoi lettori smarriti che potranno  trovare un distillato della sua opera diviso in sei sezioni: Biciclette, Incontri, Cattivi Pensieri, Passioni, Racconti, Addii. La cultura di Gianni Mura spaziava ovunque si aprisse un libro, suonasse una canzone o si recitasse una poesia, con la quale nell’ultimo periodo chiudeva i Cattivi pensieri, la sua storica rubrica, appuntamento da non perdere per capire cosa stava accadendo nel mondo dello sport ma non solo.  Infatti nei suoi pezzi convivevano e si spiegavano a vicenda politica, società, cultura e ovviamente sport.

CULTURA – Lavialibera. Il narcotraffico è il migliore affare per mafie italiane e straniere. Sul nuovo numero della rivista bimestrale edita da Libera insieme a Gruppo Abele reportage, dati, interviste e approfondimenti sull’universo droghe, sia dal lato dei consumi e delle dipendenze che dal lato del narcotraffico. Temi da seguire anche sul portale online in costante aggiornamento.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»