‘Genny Savastano’ in versione gay: stasera in tv “Puoi baciare lo sposo”

ROMA – Venerdi’ 17 aprile arriva in prima visione tv su Canale 5  (ore 21.20) “Puoi baciare lo sposo” , di Alessandro Genovesi. Il regista de “Il peggior Natale della mia vita” e “Che bella sorpresa” questa volta e’ alle prese con la storia di Antonio e Paolo, due ragazzi innamorati che vivono a Berlino. I due si vogliono sposare, ma prima dovranno informare le famiglie della loro decisione.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Su Sky arriva ‘Diavoli’ con Borghi e Dempsey, nella seconda stagione l’emergenza Coronavirus

Nei panni dei protagonisti Cristiano Caccamo e  Salvatore Esposito, il Genny Savastano di Gomorra. Una scelta coraggiosa quella di Esposito, che mette da parte i panni del malavitoso per cimentarsi in una commedia, le cui tematiche sono quanto di più lontano possibile dalla famosa serie tv di Sky. Nel cast di “Puoi baciare lo sposo” anche  Diego AbatantuonoMonica GuerritoreDino Abbrescia e Diana Del Bufalo.

SINOSSI

Antonio (Cristiano Caccamo) e Paolo (Salvatore Esposito) hanno deciso di sposarsi. I due, che vivono a Berlino, tornano quindi in Italia per comunicare la notizia alle famiglie.  I due partono per Civita di Bagnoregio, dove vivono i genitori di Antonio: la madre Anna (Monica Guerritore) e il padre Roberto (Diego Abatantuono). In viaggio con loro anche l’amica Benedetta (Del Bufalo) e il nuovo coinquilino Donato (Abbrescia).

I genitori di Antonio verranno così a conoscenza dell’omosessualità del figlio, finora celata, a ridosso di un matrimonio che, per volontà della madre Anna, finirà per trasformarsi in una grande festa a cui sarà invitato a partecipare tutto il paese. A curare la cerimonia il wedding planner Enzo Miccio. Come prenderà la notizia il padre di Antonio, sindaco di Civita di Bagnoregio solo in apparenza progressista e di mentalità aperta? E come vivranno l’evento l’ex fidanzata di Antonio Camilla (Beatrice Arnera) e la madre di Paolo, Vincenza (Rosaria D’Urso)?

17 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»