Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Pelù a Vissani, la raffica di querele di Matteo Renzi “per le infamie ricevute in questi anni”

"Ovviamente è solo l'inizio: qualsiasi vostra ulteriore segnalazione sarà passata agli avvocati per l'apertura di cause di risarcimento civile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un elenco di 10 nomi, corrispondenti a 10 querele. Matteo Renzi passa dalle parole ai fatti, notificando una raffica di atti contro chi, nel corso degli anni,lo avrebbe “ricoperto di infamie”.

“Avevo promesso- scrive l’ex premier nella sua Enews- di iniziare a chiedere i danni per le infamie che ho ricevuto in questi anni. E vi avevo garantito che vi avrei tenuti informati. I primi dieci atti formalmente predisposti oggi sono contro:

1) Piero Pelù per avermi definito in diretta TV al concertone “boy-scout di Licio Gelli”;

2) Marco Travaglio per le immagini offensive in uno studio TV;

3) Il Fatto Quotidiano per avermi attribuito la realizzazione di leggi “ad cognatum”;

4) la giornalista Rai Costanza Miriano per aver sostenuto che i bambini morti in mare sono morti per colpa “di un porto aperto da Renzi”;

5) lo chef Vissani per avermi definito “peggio di Hitler”;

6) la giornalista D’Eusanio, per avermi insultato in TV;

7) il ministro Trenta e la senatrice Lupo, per le dichiarazioni sull’aereo di Stato;

8) Il Corriere di Caserta per un editoriale ancora sull’aereo di stato;

9) Panorama, sulla vicenda Paita – alluvione di Genova;

10) chi mi ha accusato di essere un ladro per la vicenda banche.

Ovviamente è solo l’inizio: qualsiasi vostra ulteriore segnalazione ([email protected]) sarà passata agli avvocati per l’apertura di cause di risarcimento civile. Vi terrò informati sul quantum e sulla destinazione dei risarcimenti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»