Venezuela, ancora proteste contro il governo. E spuntano gruppi civili armati

Si tratta di gruppi di civili armati che agiscono per conto del Governo e fanno 'giustizia' durante le manifestazioni di piazza contro Maduro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOGOTA’ – In questo momento di tensioni in Venezuela accade anche che gruppi di civili sostengano il governo con le armi. Sono i collettivi che proseguono sulla linea ideologica ufficiale di Hugo Chavez. Nel caos sta emergendo un sistema che fa direttamente giustizia, provocando morti durante le manifestazioni quotidiane contro Maduro. A raccontare questo fatto a Radio Caracol è una donna che vive nella regione di Tachira: ai giornalisti ha confermato che anche alcuni dei suoi parenti lavorano come civili armati dal governo per disperdere ed evitare proteste giornaliere contro il governo: “Ci sono molti gruppi armati che girano incappucciati, sparano durante le manifestazioni incolpando poi i membri dell’opposizione. Sono principalmente persone povere. In questo modo- ha spiegato la donna- si assicurano circa 6mila bolivar alla volta, e ricevono alcuni generi alimentari. Hanno gruppi su Whatsapp con cui ricevono gli ordini per essere inviati alle varie manifestazioni a Caracas. Si spostano con autobus pubblici sempre controllati dal governo, viaggiano di giorno, fanno ciò che devono fare e a notte rientrano”. Per ora nessuno conosce l’identità dei componenti dei gruppi anche se in rete hanno iniziato a circolare alcune foto scattate durante le manifestazioni.

di Silvio Mellara, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»