Ritorno alla terra contro la crisi, pronta la proposta di legge sull’autoproduzione alimentare

Ritorno alla terra contro la crisi. Producendo da
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

agricoltura lazioRitorno alla terra contro la crisi. Producendo da sè il cibo per il proprio fabbisogno alimentare. È questo l’obiettivo della proposta di legge dei consiglieri regionali dei Riformatori Michele Cossa, Attilio Dedoni e Luigi Crisponi, presentata questa mattina nella sala stampa del Consiglio regionale. L’obiettivo del Pdl è istituire diecimila orti urbani e sociali in tutta la Sardegna per fare in modo che i sardi che si trovano in difficoltà economiche possano avere un sostegno al reddito producendo loro stessi prodotti agricoli.

“Una proposta di legge importante- spiegano i Riformatori- sul fronte economico, ma anche sociale e che mira a incentivare la nascita di orti didattici, sociali e urbani, per conseguire diverse finalità: sociali, di educazione ambientale, di recupero urbano. L’iniziativa mira, oltre che a riqualificare i territori, anche a dare ai cittadini e alle famiglie una possibilità di sviluppare una economia etica in un difficile momento di crisi. La Regione offrirebbe la possibilità di sperimentare l’autoproduzione di frutta e ortaggi sani e lo stanziamento previsto potrà consentire di realizzare fino a 10.000 orti nell’isola”.

La proposta di legge specifica che la Regione per la realizzazione degli orti concede contributi ai Comuni e agli istituti scolastici per le spese di progettazione, realizzazione di recinzioni e per iniziative di formazione e informazione. Il contributo regionale potrà coprire fino al 50% delle spese sostenute per questi interventi, per un importo massimo di 300 euro per ciascuna particella componente i lotti destinati a orti sociali e urbani e di 600 euro per ogni orto, nel caso degli orti didattici.

“Sembrano queste piccole proposte, ma in realtà sono importanti- spiega il capogruppo Attilio Dedoni- la riqualificazione per esempio delle aree industriali abbandonate passa da queste iniziative. Oltre a dare la possibilità a chi ha bisogno di lavorare”.

Per Cossa “si tratta di introdurre una normativa che incoraggi un fenomeno che sta tendendo a diffondersi in maniera ampia soprattutto in Nord Italia, ma ancora poco nel Sud e in Sardegna. Noi pensiamo che questo fenomeno possa essere ulteriormente incoraggiato se si stimola l’interesse verso la produzione degli orti anche all’interno delle aree urbane e sotto utilizzate delle zone industriali”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»